Riforma del terzo settore. Intervista a Gianni Palumbo

1
45101
terzo settore

La riforma del terzo settore secondo il portavoce del Forum del Terzo Settore Lazio

Una delle prime misure del Governo Renzi ha messo in cantiere la riforma del Terzo Settore, proponendo agli attori del privato sociale delle linee guida per attuare le necessarie modifiche alla legislazione attuale, al fine di promuovere e valorizzare quel principio di sussidiarietà sancito costituzionalmente nell’Art. 118 che, fino ad oggi, ha risentito fortemente sia di una eccessiva frammentazione legislativa che del taglio indiscriminato dei fondi.
In occasione della conferenza stampa di commento al risultato elettorale delle elezioni europee, Renzi ha sottolineato come il Governo consideri la legge delega del Terzo Settore uno dei punti fondamentali della legislatura, “un tema che voi giornalisti”, dice il Premier, “avete sottovalutato ma che per noi è centrale nell’azione di Governo perché chiarisce come pensiamo al ruolo della società e a quello della politica. La società è il motore del cambiamento”.
Nelle ultime settimane è stato pubblicato il testo ultimo del DDL di Riforma del Terzo Settore che fa seguito ad un percorso di consultazione che ha visto molti degli attori di settore mobilitarsi per contribuire alla costruzione di una riforma condivisa.

Ne parliamo con Gianni Palumbo,  Portavoce del Forum del Terzo Settore della Regione Lazio.

Regione-Lazio-le-proposte-del-Forum-del-Terzo-Settore-su-Sociale-e-SalutePortavoce Palumbo, ci racconta in poche parole cos’è il Forum del Terzo Settore, da chi è composto e di cosa si occupa?

Il Forum del TS è l’organismo a rete nato nel 1997 ad opera di reti di associazioni di promozione sociale, associazioni di Volontariato, di cooperative sociali. È un organismo di rappresentanza e luogo di incontro e valorizzazione del TS.

In questi mesi, il Governo Renzi sembra aver messo al centro della propria agenda politica la riforma del Terzo Settore. Cosa ne pensa? Quali sono le priorità, secondo Lei?

Mi sembra un significativo passo avanti nel riconoscere che il benessere e la felicità non sono legate all’arricchimento individuale ma il frutto di un equilibrio tra la disponibilità di denaro necessario e benessere psicofisico dell’individuo e delle comunità. Le priorità sono secondo me legate al riconoscimento che il TS è un sistema portatore di valori e benessere misurabili con gli indici BES dell’Istat e non un ammasso indifferenziato di associazioni e cooperative, la modifica del Codice civile, la parificazione nell’ambito della sussidiarietà circolare con gli Enti locali, il riconoscimento della pubblica funzione svolta ed il sostegno economico cosi come lo ricevono altri settori come il sistema delle imprese, dell’agricoltura ecc..

Da dirigente nazionale di un organismo non profit, come valuta il mondo del terzo settore in Italia, è un settore in cui poter investire, in cui si può crescere, svilupparsi anche professionalmente?

Si certamente, si può investire anche se l’investimento non è solo finanziario ma culturale scientifico e in capitale umano. Secondo le priorità che ho indicato prima sicuramente ci sarà ulteriore sviluppo, possibilità di crescita professionale, umana e nel riconoscimento sociale

Qual è la situazione generale del Terzo Settore in Italia secondo lei? Quali le criticità, quali le opportunità?

Il terzo settore con questi improvvisi, anche se attesi, riconoscimenti si sente sicuramente sovraccaricato di responsabilità. C’è molta attesa per un significativo contributo alla ripresa ed allo sviluppo del nostro paese, ma nel contempo c’è un tentativo di trasformare il Terzo settore in un settore profit col volontariato aggiunto. Questo è e sarebbe un errore. Il terzo settore è cresciuto perché è come lo conosciamo. Va valorizzato per come è e non per come altri vorrebbero che fosse. Le criticità del terzo settore non sono la sottocapitalizzazione ma un deficit organizzativo e formativo nel mondo delle più piccole realtà. Qui bisogna intervenire per sostenerlo. E poi bisogna facilitare la social innovation, favorirla, darle spazio e credito anche bancario.

Parlando del Lazio invece, che situazione vive il mondo del Terzo Settore? Cosa andrebbe fatto secondo lei e soprattutto da chi?

Nel Lazio il tema principale è la disattenzione sostanziale al sistema TS da parte delle Istituzioni. Nella nostra regione si bada molto più al rapporto clientelare che allo sviluppo di idee innovative e va detto che non tutta la responsabilità è delle Istituzioni in quanto c’è un accondiscendimento talvolta eccessivo delle nostre organizzazioni. Per fortuna però le cose sono molto in movimento soprattutto nelle giovani generazioni.

Se sono rose fioriranno.

LASCIA UN COMMENTO

1 COMMENT

Comments are closed.