Aromaticus, esperienza bio nel centro della Capitale

Aromaticus, esperienza bio nel centro della Capitale

by -
452
aromaticus

Inaugura su Openmag la rubrica Food della Capitale, portandovi alla scoperta di Aromaticus, bio bistrot d’eccellenza nel cuore del Rione Monti, a Roma.

Potremmo definirlo come un posto a metà strada tra una serra, un mercato ed un piccolo locale ben arredato: questo è Aromaticus, incastonato tra i palazzi romani della centralissima Via Urbana, del Rione Monti.

Nato circa 5 anni fa, dalle menti dei giovanissimi ed appassionati sommelier Francesca Lombardi e dallo chef livornese Luca di Marco, Aromaticus proponeva inizialmente kit per il giardinaggio ed altri articoli connessi. Col tempo diviene poi bistrot, in cui l’offerta proposta spazia dai crudi di carne fino alle insalate aromatiche, con aggiunta di fiori eduli, per concludersi con barrette multifrutti (torte di carote, biscotti al cioccolato e molto altro) realizzate artigianalmente.

Lo scenografico scaffale di ingresso contiene un’ampia varietà di piante aromatiche ed officinali, mentre nel frigorifero la materia bio si fa ai massimi livelli con degli ottimi germogli e crescioni da gustare.

Aromaticus: ingredienti, calore e colori

Sementi e piante provengono da un fornitore che garantisce l’uso di soli fertilizzanti organici.

Ingredienti sempre freschissimi, a chilometro zero, e rispettando il più possibile quanto la stagionalità dei prodotti ha da offrire nel corso dell’ anno.

Pochi tavoli, in una atmosfera antica che ricorda gli angoli più nascosti di Provenza, in cui in uno spirito di condivisione si può mangiare gli uni vicini agli altri.

Ogni giorno la cucina offre una serie di piatti curati nei minimi dettagli dallo Chef Nicolo’ Cini, e dalle undici della mattina fino a sera e’ possibile consumare un rapido pranzo, un tè pomeridiano o una cena, volendo anche d’asporto, aiutati nella scelta dal fratello di Luca, Mattia.

Cordialità, senso di accoglienza e cura sono quello che fanno di Aromaticus un bistrot da segnare nella propria “lista bianca” dei locali. E se è vero che anche l’occhio vuole la sua parte, in questo angolo di Monti il gusto si fonde con un’estetica ricercata.

Dal cromatismo studiato dei piatti al verde delle piante, fino al tavolo di quercia e al condizionatore reso creativamente parte integrante del luogo, Aromaticus non lascia mai sperduto il proprio avventore. E allora il distributore self-service dell’acqua, i piatti, le posate e i bicchieri biodegradabili diventano la naturale risposta a un modo di vivere non solo il rapporto con un cibo “sano” ma anche una visione più realisticamente attenta alla natura e al mondo che ci circonda.

LASCIA UN COMMENTO

Marco Scagliarini
Classe 1983, romano, laureato in scienze naturali (2009) e conservazione e divulgazione naturalistica (2011), lavoro come botanico e garden designer. Da sempre appassionato viscerale di viaggi e geografia, appena possibile metto piede su un mezzo di trasporto e vado alla scoperta del mondo. Amante della lettura, della buona cucina e della vita all’aria aperta.