World Press Photo 2017, fotogiornalismo a Roma

0
652
World Press Photo 2017

World Press Photo 2017 in mostra a Roma. In questo weekend non mancate l’appuntamento al Palaexpo per immergervi nel fotogiornalismo.

Quest’anno World Press Photo 2017 è in prima mondiale a Roma, a Siviglia e a Lisbona. Questa mostra, promossa da Roma Capitale–Assessorato della Crescita Culturale e ideata dalla World Press Photo Foundation di Amsterdam, è considerata ormai un riconoscimento particolarmente importante nell’ambito del fotogiornalismo e considerata un incentivo alla libertà di espressione. Infatti World Press Photo è una mostra molto attesa perché rappresenta un momento di riconoscimento con il presente storico. Una mostra che porta a riflettere su quanto succede nel mondo.

Un prestigioso premio di fotogiornalismo e multimedia storytelling, dunque, che rimarrà in mostra  al Palazzo delle Esposizioni ancora per poco, solamente fino a domenica 28 maggio, perciò non fatevi sfuggire questo appuntamento!

World Press Photo 2017, fotogiornalismo a Roma
Tiejun Wang

World Press Photo 2017

Una giuria costituita da esperti internazionali ha espresso il proprio giudizio su migliaia e migliaia di domande di partecipazione, provenienti da ogni parte del mondo. I numeri che riguardo i partecipanti alla mostra e quelli relativi ai visitatori sono infatti incredibili. Più di 80400 le domande e intorno ai 4 milioni di visitatori ogni anno. Il lavoro di selezione delle foto da collocare nella mostra non è perciò affatto facile. Quest’anno è stato deciso di premiare 45 fotografi proveniente da 25 diversi Paesi.

Australia, Brasile, Canada, Cile, Cina, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, India, Iran, Italia, Pakistan, Filippine, Romania, Russia, Sud Africa, Spagna, Svezia, Siria, Nuova Zelanda, Turchia, UK, USA. La risonanza che ha questo riconoscimento è data dalla sua importanza a livello culturale, sociale e storico. Infatti la mostra non è una mera galleria di immagini ma un vero e proprio documento che contribuisce alla produzione di materiale storico con cui ricordare eventi cruciali.

World Press Photo 2017, la foto dell’anno

World Press Photo 2017, fotogiornalismo a Roma

Oltre al premio conferito a tutti i partecipanti della mostra, è stato dato un premio un premio speciale, come foto dell’anno a Burhan Ozbilici. Parliamo del fotografo dello scatto “An Assassination in Turkey”. Questa foto, che fa parte della categoria Spot News Stories, rappresenta l’uccisione di un ambasciatore russo in Turchia.

Un poliziotto turco, di nome Mevlut Mert Altintas di soli 22 anni, ha ucciso Andrei Karlov nel corso dell’inaugurazione di una mostra di opere d’arte il 19 dicembre del 2016 ad Ankara. Questa foto è stata definita da uno dei membri della giuria, Mary F. Calvert, un’immagine esplosiva in cui si legge l’odio che vive nei nostri tempi. Un’immagine così forte nella sua verità da far fermare lo sguardo di qualunque osservatore.

World Press Photo 2017, parte della storia

World Press Photo nasce dall’idea di un gruppo di olandesi che decise di creare un concorso per mettere in mostra foto giornalistiche da commentare e valutare con i colleghi. Oggi a condurre la Fondazione è Lars Boering il quale insieme a un team di 30 persone lavora per far vivere questo riconoscimento, che al contempo stesso è un’importante testimonianza storica.

Una Fondazione, quella della World Press Photo, sponsorizzata dalla Canon e supportata da molti e diversi enti. Questo perché conoscere la verità e ricordarla per come questa è stata immortalata da occhi e lenti è aiutare il giornalismo visuale. Ispirare, incoraggiare, educare e supportare sono i principi base su cui si fonda World Press Photo. Un riconoscimento attraverso il quale si esprime l’importanza del concetto di libertà di informazione, d’inchiesta e di linguaggio.

Una mostra, quindi, sicuramente da andare a vedere e da non lasciarsi sfuggire.

Il fotogiornalismo più influente del mondo è ancora in mostra a Roma.

LASCIA UN COMMENTO