Rinnovato il direttivo del Forum del Terzo Settore Lazio

Rinnovato il direttivo del Forum del Terzo Settore Lazio

by -
875

L’assemblea del Forum Regionale del Terzo Settore Lazio ha eletto il suo nuovo consiglio regionale per il prossimo mandato 2017/2021.

Nell’elegante cornice della sala riunioni dell’organizzazione di volontariato CESV-SPES, in via Liberiana 17, Roma, l’Assemblea del Forum del Terzo Settore Lazio ha rinnovato le cariche della sua governance per i prossimi 4 anni di mandato. Con l’elezione del 3 luglio 2017, si chiude definitivamente il percorso congressuale del V Congresso regionale del Forum del Terzo Settore che si era aperto lo scorso 5 Aprile per eleggere la Portavoce Francesca Danese.

Le cariche.

Nella stessa giornata sono state rinnovate le cariche del Coordinamento Regionale, organo direttivo del Forum, composto di 9 membri che, insieme alla Portavoce, sarà responsabile di identificare e implementare le priorità politiche per il prossimo mandato della piattaforma; il Collegio dei Revisori dei Conti e il Collegio dei Garanti con il compito di monitorare e garantire il corretto funzionamento della struttura.

Rinnovato il direttivo del Forum del Terzo Settore Lazio

Ad aprire la second fase di congresso Gianni Palumbo, portavoce uscente del Forum, che ha ricordato come l’innovazione sociale, la leadership condivisa, e la co-progettazione sono stati, e devono continuare ad essere, il percorso del Forum del Terzo Settore Lazio al fine di superare pienamente l’impasse e le difficoltà che il terzo settore ha affrontato negli ultimi anni in particolare per colpa del “bubbone mafia capitale”.

I nuovi membri eletti del direttivo, ovvero il Coordinamento Regionale sono (in ordine alfabetico):

  • Adriano De Nardis – CRI Comitato Lazio
  • Alberto Giustini – ARCI Lazio
  • Andrea Giansanti – UISP Lazio
  • Anna Vettigli – Legacoop sociali Lazio – Consorzio Parsifal – CO.IN
  • Daniele Stavolo – FISH Lazio
  • Dario Coppi – AICEM Lazio
  • Filomena Iezzi – Federsolidarietà Lazio
  • Matteo Ghibelli – MCL Lazio
  • Tommaso Ausili – ANTEAS Lazio

I nuovi membri del Collegio dei Revisori dei Conti:

  • Francesco Saverio Crostella
  • Gianluca Spadaccia
  • Giuseppina Di Ianni

I nuovi membri del Collegio dei Garanti:

  • Guido Valentini
  • Maurizio Geusa
  • Stefano Rossi

Le novità.

Il Congresso è stato occasione per lo sviluppo di un proficuo confronto e uno stimolante dibattito tra le diverse aree del Forum, ovvero il volontariato, la promozione sociale e la cooperazione sociale, che per la prima volta sono egualmente rappresentate all’interno del direttivo.

Una delle principali novità di questo congresso è rappresentata dall’istituzione di un “Comitato per il Regolamento” di funzionamento della piattaforma. Proposto dalla Portavoce e ratificato dall’Assemblea, sarà diretto da Eugenio De Crescenzo, presidente AGCI Solidarietà Lazio, e da Luigi Annesi, presidente AUSER Lazio, con l’obiettivo di creare un regolamento interno per formalizzare tutte le buone procedure e le prassi che negli anni sono state adottate dal Forum per funzionare al meglio e, ove necessario, di crearne di nuove o di più adatte rispetto al momento storico che sta rivoluzionando il terzo settore.

I focus.

Rinnovato il direttivo del Forum del Terzo Settore Lazio

Tra i principali temi su cui la Portavoce e il suo nuovo direttivo si impegnerà c’è, ovviamente, la Riforma del Terzo Settore e le implicazioni che il processo di implementazione della nuova legge comporterà per tutti gli enti del forum; un’attenzione particolare verrà dedicata all’attivazione del Registro della Trasparenza da parte della Ministra per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione; in oltre, ricorda la portavoce, la piattaforma intende proseguire il lavoro di monitoraggio per rendere operativi e concreti gli intenti della legge sul così detto “Dopo di Noi” sui temi dell’autonomia personale delle persone con disabilità.

“Questo Forum sarà capace di un nuovo modello di welfare” dichiara la Portavoce Francesca Danese “vicino alla persone, alle comunità e al “lavoro buono”!”.

LASCIA UN COMMENTO