Le prossime sfide di Milan, Fiorentina e Lazio

0
970
milan fiorentina lazio

Analizziamo le prossime sfide che dovranno affrontare Milan, Fiorentina e Lazio

Il Milan avrà due settimane molto impegnative. Con un’infermeria piena affronterà il Napoli. Un rivale in buona forma e con un morale alle stelle. Partita veramente dura per il Milan. Poi Bologna e Sampdoria, squadre insidiose anche per una squadra in buona forma. A chiusura di questo ciclo arrivano Barcellona e Juventus. Due partite da grande palcoscenico. 3 squadre di primo piano in 5 partite e una rosa risicata: in attacco ci sarà un esame per Matri, affianco a Balotelli, e dietro le punte Robinho che sostituisce Kakà infortunato. Fasce improvvisate con Emanuelson, e si vocifera anche Poli o in alternativa Zaccardo. Difesa centrale con Mexes e Zapata in attesa che rientri qualcuno dall’infermeria. Allegri continuerà a non considerare Nocerino improvvisando un centrocampo con De Jong, Birsa, Niang, Muntari. Incognita Costant, sia sulla sua presenza in campo che sul ruolo da ricoprire. De Sciglio, Silvestre, Pazzini, El Shaarawy, Montolivo e il già citato Kakà titolarissimi in infermeria per questa fase in attesa del riposo grazie alla sosta per le partite delle nazionali. Con queste 5 partite il Milan deciderà il proprio andamento in campionato e se piazzarsi subito con un piede avanti per la qualificazione degli ottavi di champions. In caso di risultati negativi rivedremo titoloni e “voci di corridoio” sull’esonero di Allegri.
Fiorentina pagherà l’assenza di Gomez, assente per 2 mesi e di Cuadrado per un mese. Scontro con l’Atalanta insidioso. Subito dopo scontro con l’Inter, che con Mazzarri avrà una difesa solida e delle buone fasce. Per una squadra che arriva con solo Rossi in attacco sarà dura insaccare nella porta di Handanovic.
Subito dopo 2 partite di medio livello ma comunque impegnative: Parma, Coppa Uefa con Dnipro e dopo scontro per la parte alta della classifica con la Lazio. La Fiorentina con Neto, non avendo trovato di meglio per la porta. Fasce sicure con Tomovic e Pasqual. Difesa centrale con tante alternative: Roncaglia, Savic, Compper e Rodriguez e potrebbe entrare in partita anche Alonso. Un centrocampo solido con Aquilani, Ambrosini, Mati Fernandez (buona rivelazione), Vargas e Borja Valero, che potrebbe avanzare per aiutare il reparto offensivo. In attacco unica certezza è Rossi. Ad affiancarlo si alterneranno Joaquin, Ilicic e forse Rebic.
Lazio affronterà la Roma, cercando di replicare il successo del 26 maggio. Sfida da seguire, anche se non si è tifosi di una delle due squadre della capitale. Classica partita da giocare con una tripla in schedina. Non ci si gioca solo i 3 punti. Subito dopo il derby, la Lazio, ospiterà il Catania, squadra in calo rispetto all’ultima stagione. Dopo in trasferta contro il Sassuolo, una buona compagine per far rifiatare la squadra in vista della Coppa Uefa contro il Trabzonspor. Prima della pausa scontro per la parte alta della classifica con la Fiorentina. Su carta leggermente favorita la Lazio ma il tutto dipende dalle sfide e da come Petkovic amministrerà la squadra e il turn-over. Modulo variabile, squadra da studiare giornata per giornata. Inamovibile Marchetti. Difesa con Cavanda, Ciani, Cana e Konko. A fare da steffetta Dias e probabile staffetta, in caso di emergenza, anche con Pereirinha. Out Radu e Biava. Centrocampo ricco anche in attesa del rientro di Biglia: Candreva, Gonzalez, Ledesma, Hernanes, Lulic. Dalla panchina: Onazi, Felipe Anderson, Keita e Ederson. In attacco Klose, che aspettando Brasile 2014 darà il massimo in questo campionato per confermarsi attaccante della nazionale. A sostituirlo Floccari, ma solo nei finali di partita.

LASCIA UN COMMENTO