Se questo è un presidente. Thohir bluff indonesiano?

0
1260

Sicuramente i tempi ancora non sono maturi per esprimere pareri, giudizi, critiche o quant’altro, ma se il buongiorno si vede dal mattino il popolo interista non dormirà sonni tranquilli e si deve ben guardare dal tycoon indonesiano.

Occorre evidenziare necessariamente che una riorganizzazione societaria in tutte le sue sfaccettature richiede tempo e dal 15 novembre (giorno in cui Thohir diventa azionista di maggioranza e presidente dell’Inter) ad oggi sono trascorsi solo poco più di due mesi, quindi è presto per le condanne definitive. Ma i presupposti sono quelli che preoccupano maggiormente la tifoseria nerazzurra. Gli interrogativi che nascono spontanei sul personaggio non fanno altro che aumentare i dubbi e le perplessità su una operazione che nel giro di due/tre stagioni, a detta del magnate indonesiano, dovrebbe riportare l’Inter ai vertici del calcio italiano ed europeo. Giacarta non è proprio dietro l’angolo, chi sarà l’uomo di raccordo tra il Presidente indonesiano e la squadra meneghina capace di riuscire a gestire le difficili dinamiche societarie in un periodo di transizione come questo? Ha ancora senso dare fiducia a  dirigenti che spesso hanno deprezzato il valore dei giocatori ceduti e allo stesso tempo concluso operazioni in entrata decisamente infelici? Che vantaggio si ha nel mantenere nello staff uomini che hanno contribuito in maniera decisiva a creare voragini di bilancio che condizionano e condizioneranno le future campagne acquisti ? È conveniente proclamare che prima di qualsiasi tipo di acquisizione bisogna procedere a far cassa, in antitesi con le logiche dei grandi club, cedendo i giocatori con il miglior mercato? Con quale spirito e finalità il magnate indonesiano ha deciso di prendere in mano le sorti del club nerazzurro considerando il fatto che difficilmente con il calcio si fanno affari profittevoli, a meno che non si intenda perseguire solo altre finalità slegate dai risultati sportivi del club? La legittimità di queste domande è sacrosanta soprattutto quando si gioca con il cuore, i sentimenti, la passione e l’amabile follia di milioni di tifosi che sperano vivamente di non ricordasi di Erick Thohir solamente come quel presidente farlocco che somigliava tanto al rapper sudcoreano di Gangnam Style.

LASCIA UN COMMENTO