Per la seconda volta, il ciclista Fausto Coppi, sale sul gradino più alto del podio del Giro d’Italia.

“Campionissimo” questo è soprannome di uno dei più noti e vincenti atleti italiani di tutti i tempi. Fausto Coppi oltre ad essere conosciuto per le sue numerose vittorie, ben cinque volte vincitorePST1294000159PS4d20e01fca6dc del Giro d’Italia, è anche conosciuto dal grande pubblico per la sua leggendaria rivalità con l’altro campione del suo tempo Gino Bartali.
Fausto Coppi è nato a Castellania, in provincia di Alessandria, il 15 Settembre del 1919, quarto figlio di una famiglia umile, non si è mai interessato agli studi, al contrario all’età di 13 anni, con i primi soldi racimolati da un lavoretto come garzone presso Novi Ligure, si compra la sua prima bicicletta e inizia a partecipare alle prime gare di ciclismo non ufficiali. Così parte la lunga e brillante carriera che ha reso Coppi, dopo essere stato notato dal preparatore atletico Biagio Cavanna, un intramontabile idolo sportivo nel mondo ciclistico. Disputa la sua prima competizione ufficiale il 1 luglio 1937; dieci anni dopo lo ritroviamo per la seconda volta vincitore indiscusso del più ambito premio ciclistico italiano.
Nel 1946, dopo la fine della guerra, Fausto Coppi abbandona la Legnano di Pavesi per firmare un nuovo contratto con la società ciclistica Bianchi, tutt’ora esistente. Questo nuovo accordo porta molta fortuna alla carriera del ciclista piemontese che infatti nel 1947 vince il Giro d’Italia con un vantaggio sul secondo classificato, Gino Bartali, di 1’43” in seguito ad una competizione molto agguerrita.
Seguiranno tantissime altre vittorie che porteranno la figura di Fausto Coppi alla fama di cui tuttora gode. Tra i tantissimi trionfi del ciclista ricordiamo l’affermazione del suo record nel 1942, il 7 Novembre, sulla pista del Velodromo Vigorelli91001614 di Milano di 45.871 km percorsi in un’ora, cancellando il record precedente stabilito da Maurice Archambaud cinque anni prima di 45.840 km in un’ora. Solo dopo 14 anni, nel 1956, tale record viene superato da Jacques Anquetil, ciclista francese.
Nel 1959 Coppi si reca con degli amici in Francia per partecipare ad alcune battute di caccia e a goliardici giri ciclistici con gli amici. Durante questo viaggio il campione si ammala di malaria e,rientrato in Italia, lo aspetta una lunga convalescenza che lo condurrà alla morte il 2 gennaio del 1960.
Durante la sua carriera, durata ben ventuno anni, Fausto Coppi ha collezionato 151 vittorie su strada, indossando per 31 giorni l’ambita maglia rosa e per 19 giorni la maglia gialla del Tour de France. A distanza di 67 anni, Coppi viene tutt’ora ricordato come uno dei grandi campioni di stampo italiano su scala mondiale.

LASCIA UN COMMENTO