Nei cruciali anni ’80, le gesta dell’ A-Team – “Hannibal” Smith, Sberla, Murdock e P.E. Baracus – hanno  contribuito a riconciliare l’immaginario collettivo americano con il fantasma del Vietnam.

La “sporca guerra” li ha condannati ma loro non se ne curano. Evadono e continuano a fare il loro mestiere di soldati. E visto che il loro governo li bracca, iniziano a combattere in proprio l’unica guerra possibile, quella contro le ingiustizie.

Il colonnello John “Hannibal” Smith (interpretato da George Peppard), il tenente Templeton Peck “Sberla” (Dirk Benedict) e il sergente P.E. Baracus (Mr. T), cui si aggiunge il capitano H.W. Murdock “il Matto” (Dwight Schultz), segnano, con The A-Team, uno dei massimi fenomeni televisivi degli anni ’80.

Andata in onda per 5 stagioni, dal 1983 al 1987, la serie è una tappa fondamentale nella ricomposizione dell’immaginario collettivo americano dopo il trauma del Vietnam. Proprio nel sud-est asiatico l’A-Team, unità combattente specializzata, è stato condannato per un reato mai commesso. Se la guerra è sbagliata, i vertici militari non possono che prendere decisioni sbagliate, sembra essere l’idea di fondo degli autori Frank Lupo e Steven Cannell.

The A-Team vede la luce sugli schermi della NBC il 23 gennaio 1983. Tre mesi prima, nelle sale americane è arrivato un film che sembra costituire l’apice del grido di dolore dei reduci incapaci/impossibilitati a reinserirsi nella società: First Blood di Ted Kotcheff. Da noi il film prenderà il nome del suo protagonista: Rambo. Dal 1980, la CBS racconta le gesta di un altro reduce illustre, Magnum P.I. Il successo è enorme ma il personaggio di Tom Selleck conduce una vita che non sembra affatto difficile e in guerra è stato anche decorato.

Il pubblico ha maledettamente bisogno di riconciliarsi con la propria storia recente ma, allo stesso tempo, di guardarla in faccia. L’ A-Team risponde perfettamente a questa logica. I quattro protagonisti avrebbero molti motivi di risentimento ed esasperazione ma preferiscono non drammatizzare e, se il sistema ha scelto la parte sbagliata, continuare a rimanere spericolatamente da quella giusta.

L’ultima puntata della fortunatissima serie va in onda l’8 marzo 1987. Nella quinta stagione, l’A-Team è stato tratto dalla clandestinità ed è tornato a lavorare per il governo. Nel suo sprint conclusivo verso la vittoria nella Guerra Fredda, l’America di fine decennio ha evidentemente bisogno del contributo di tutti.

LASCIA UN COMMENTO