Wildcard in aiuto dei bambini con disabilità

0
634
Wildcard in aiuto dei bambini con disabilità

Realtà virtuale in aiuto della disabilità. Wildcard punta ad aiutare, attraverso il gioco e il divertimento, i bambini con problemi di disabilità

La realtà virtuale negli ultimi anni ha iniziato ad “invadere” ogni aspetto della vita quotidiana. Utilizzata principalmente a scopo ludico, questa nuova tecnologia ci permette di vivere un’esperienza sensoriale del tutto nuova, incentrata su una visione a 360°. È su questi presupposti che si ispira il progetto di WildCard che vuole migliorare la vita e l’apprendimento di bambini che hanno disabilità intellettive.

Utilizzando una realtà virtuale immersiva indossabile, si va a stimolare la curiosità, l’attenzione e la concentrazione di questi bambini. Tutto questo viene svolto grazie all’utilizzo della Google Cardboard. Infatti Wildcard combina insieme un visore per realtà virtuale, una applicazione per smartphone, uno schermo digitale e una applicazione web.

Come funziona WildCard?

Tutti i supporti utilizzati, integrati tra di loro, permettono un monitoraggio completo dell’apprendimento da parte dei bambini con gravi disabilità di apprendimento.

È infatti grazie alle lenti che i contenuti interattivi presentati all’interno dello smartphone vengono percepiti in 3D e che quindi possono essere esplorati direzionando e fissando lo sguardo.

Lo schermo esterno permette, invece, ai terapisti di monitorare ciò che fissano i bimbi, mentre l’applicazione web raccoglie i dati dell’interazione del bambino disabile, permettendo così ai terapisti di visualizzare i livelli di attenzione. Il sistema, oltre a ciò, offre la possibilità di modificare i parametri della storia così da poterla adattare alle esigenze di ogni soggetto.

Wildcard in aiuto dei bambini con disabilità

Wildcard è un progetto nato dal gruppo I3Lab – Innovative Interactive Interfaces presso il Laboratorio Hoc del dipartimento di Elettronica, informazione e bioingegneria del Politecnico di Milano con l’ausilio de L’abilità Onlus di Milano.

I3Lab e L’abilità Onlus hanno studiato questo sistema di apprendimento, partendo dall’applicazione del principio di stereoscopia e lenti utilizzato dalla Google CardBoard. Attraverso la proiezione di un’immagina a 360°, si crea un effetto immersivo, incentrato anche sul cambio di visuale (all’interno dello spazio 3D) dovuto al movimento della testa.

La sperimentazione del progetto WildCard

La sperimentazione del progetto WildCard è durata tre mesi, ( febbraio – aprile 2016), presso il centro L’Abilità Onlus di Milano ed è arrivata a coinvolgere 11 bambini tra i 6 e 10 anni per una durata di circa 10 sessioni. Tutti i pazienti erano bambini con diverse disabilità intellettive, tra cui l’autismo e sindrome di down. Taluni invece erano giovanissimi con disturbi specifici di apprendimento.

LASCIA UN COMMENTO