Il Trono di Spade 8: l’ultima notte al mondo

0
328
Il Trono di Spade 8: l’ultima notte al mondo
Fonte: imperoweb.com

Anche il secondo episodio de “Il Trono di Spade” è andato in onda e ovviamente OpenMag è qui a raccontarvelo.

Questo secondo episodio de Il Trono di Spade è interamente ambientato a Grande Inverno, dove troviamo tutti i personaggi, o quasi, intenti a fare i conti con loro stessi e col loro percorso fatto finora. Sono molti infatti, i sentimenti che pervadono la puntata e anche i richiami alle stagioni passate, proprio ciò che gli autori si prefiggevano di fare. Praticamente quest’episodio fa da anticamera alla grande battaglia contro i morti del prossimo, che si preannuncia già spettacolare.

L’evoluzione di Jaime Lannister

Possiamo notare da subito, fra i riferimenti alle stagioni passate, Bran che apostrofa Jaime Lannister con “Sono tante le cose che si fanno per amore”, esattamente la stessa frase che l’uomo aveva pronunciato prima di buttarlo giù dalla torre nel primissimo episodio. L’attesa a questo incontro era già stata preparata dalla scorsa puntata, con Bran che dice di “aspettare un vecchio amico”, cioè Jaime, che porta con sé anche la cattiva notizia che Cersei ha tradito i nostri.

Oltre a Bran, Jaime incontra nuovamente suo fratello Tyrion, col quale ricorda i tempi in cui “Tu eri un Leone d’oro e io ero un puttaniere”, dice il secondo. Loro che sono stati cresciuti nel sano orgoglio Lannister, di cui uno ha preso la mente e l’altro il saper combattere. Loro che erano nemici giurati di Stark e Targaryen e che ora stanno dalla loro parte.

Jaime e Brienne

Ma probabilmente, la reunion più attesa del personaggio di Jaime, che è cambiato tantissimo rispetto alla prima stagione, è quella con Brienne. La migliore donna guerriera dei Sette Regni è infatti al servizio di Sansa e ci è tornata anche e soprattutto grazie a Jaime, proprio come dice a Daenerys durante il processo all’uomo. Probabilmente è anche grazie a lei che lui ha cominciato a cambiare. Tra i due c’è sempre stato uno strano rapporto, che sfiora in alcuni casi l’amore, anche se solo platonico.

“E’ stato proprio su questo che ci siamo concentrati” dicono gli autori “Anche perché Brienne è stata cresciuta come se l’amore non fosse un’opzione per lei”. Il momento più alto è quando Jaime nomina Brienne cavaliere, desiderio che lei nutriva segretamente da molto tempo. “E’ stato emozionante scriverlo e dirigerlo” dicono sempre gli autori “Ci ha commosso così tanto che abbiamo deciso di chiamare l’intero episodio “A Knight of the Seven Kingdoms”” (Un cavaliere dei Sette Regni).

Braccio di ferro tutto al femminile

Altro momento importante è quello fra Sansa e Daenerys, che anche per un solo momento si sono trovate in sintonia sul giustiziare Jaime Lannister, salvato poi da Brienne. Daenerys va a parlare alla ragazza con le migliori intenzioni e afferma di amare Jon ed è per questo che l’ha seguito, perché ha fiducia in lui, lei che non ha mai avuto fiducia in nessun altro. Sansa sulle prime le sorride e le dà ascolto, ma la fatidica domanda è dietro l’angolo: “Che ne sarà del Nord dopo?” chiede.

Sansa non è infatti intenzionata a lasciar andare casa sua per l’ennesima volta a quella che considera nulla più che una manipolatrice. Daenerys a questo punto non sa rispondere. Per cui, anche per noi, l’interrogativo resta aperto: il nord rimarrà un regno a sé? O tornerà a far parte dei Sette Regni?

Spazio ai sentimenti

Nel frattempo, la notte prima della battaglia è arrivata e tutti i personaggi si preparano ad affrontare quella che potrebbe essere l’ultima notte delle loro vite. “Li vediamo tutti” dice Benioff, uno degli autori “E ognuno affronta questa notte a modo suo”. Abbiamo il gruppetto all’interno di Grande Inverno che banchetta e beve vino, Sansa e Theon che mangiano insieme, Missandei e Verme Grigio che si danno un ultimo bacio prima di separarsi, Sam che guarda sua moglie e suo figlio dormire. E poi c’è Arya, che nonostante sembri interessata a tutto meno che all’amore, dalla scorsa puntata ha ritrovato anche lei qualcuno: Gendry. Lei era una bambina l’ultima volta che si erano visti e Gendry era stato rapito. Ora, che potrebbe essere l’ultima notte per entrambi, Arya non fa mistero di ciò che prova per il ragazzo e i due fanno l’amore.

Infine abbiamo Jon e Daenerys che si ritrovano davanti alla tomba di Lyanna Stark. Dopo averla evitata per tutto questo tempo, Jon decide di dirle la verità: lui è figlio di Rhaegar Targaryen e Lyanna Stark e il suo vero nome è Aegon. Daenerys rimane basita, sembra non crederci, insinua che Jon voglia ingannarla, anche se probabilmente sente anche lei che è la verità.

Questa era la quiete prima della tempesta. Ci aspetta infatti un episodio lungo ben 82 minuti la prossima settimana, per cui rimanete sintonizzati, perché avremo ancora tanto da raccontare sul Trono di Spade!

Il Trono di Spade 8: l’ultima notte al mondo
Fonte: imperoweb.com

LASCIA UN COMMENTO