Network e connessioni. Piccole grandi famiglie della moda sostenibile

Fare network. Creare connessioni tra promotori di sostenibilità nella moda.

Cos’è un network se non una piccola grande famiglia? In che modo, anche nella moda, può facilitare la connessione tra persone che parlano del tema della sostenibilità?

In questo mese, dedicato alla famiglia in tutte le sue forme e sfaccettature, vogliamo declinare come sempre il tema sulla nostra rubrica. E se considerassimo un network di associazioni e persone come una grande famiglia?

Network durante la Fashion Revolution Week

Dal 19 al 25 aprile si è tenuta la Fashion Revolution Week. Per coloro che si imbattono per la prima volta sulla nostra rubrica, per FRW intendiamo una settimana che cade in corrispondenza del 24 aprile, anniversario del più grande incidente tessile: il crollo del Rana Plaza in Bangladesh.

Tale tragedia portò a smascherare il lato nascosto della moda. In seguito molte associazioni per i diritti dei lavoratori si unirono. Si creò così Fashion Revolution, un movimento che in sé raccoglie brand sostenibili, ma anche lavoratori e lavoratrici del tessile, semplici cittadini e decisori politici.

Possiamo definire Fashion Revolution come un network nel quale enti e persone differenti manifestano il proprio supporto verso la promozione di una moda più sicura per chi la produce e per chi la indossa. Una bella “famiglia”, dunque, con obiettivi comuni.

Negli anni tale impegno comune ha portato a sensibilizzare milioni di persone in tutto il mondo e richiedere ai brand ma anche alle persone comuni di cambiare le abitudini produttive e di consumo.

Queste azioni si sono poi andate a sviluppare a livello locale in molti paesi.

Facciamo rete!

In Italia, la settimana della Fashion Revolution è stata un momento per fare rete sotto vari punti di vista. A causa delle misure restrittive è stato impossibile fare eventi in presenza. Per questo molti brand, piattaforme sostenibili e associazioni di promozione sociale hanno deciso di unirsi in attività congiunte e coinvolgere i propri utenti!

Tra le iniziative sicuramente figura la collaborazione tra Dress The Change e Sustainable Impatto per promuovere #impattochallenge, di cui vi abbiamo parlato nel nostro ultimo articolo.

Vesti la natura, un’associazione di promozione sociale, ha invece realizzato una settimana di dirette Instagram. La finalità era far conoscere meglio chi c’è dietro la promozione di una moda più equa, sostenibile e di seconda mano. Le live sono state fatte con Equo GarantitoMademoiselle Vintage Shop, Mercato Circolare, Rifò, Fairtade Italia e molti altri. Questi contenuti li potrete trovare sul profilo Instagram di Vesti la natura.

Network

Intrecci Etici

Le azioni di networking non si sono ridotte alla sola FRW.

Ne è un esempio il documentario Intrecci Etici. Attraverso la voce di molti piccoli brand, piattaforme online e negozi vintage presenti in Italia, ci racconta la loro volontà di fare la differenza attraverso le proprie produzioni. La parola intrecci ci riporta anche al nostro tema. Fare rete, creare un network, intrecciare legami con più persone, ci porta a credere di più nella possibilità che un cambiamento possa esserci e che parta proprio da noi, insieme.

Si dice che l’unione fa la forza. Mai come in questo contesto la promozione, la sensibilizzazione e la condivisione possono aiutarci a coinvolgere sempre più persone che chiedono un sistema produttivo più rispettoso dei diritti umani e dell’ambiente.

Noi ci impegneremo per essere parte di questo network.

Tag

  • ambiente
  • bangladesh
  • diritti umani
  • famiglia
  • fashion revolution
  • giovani
  • network
  • rana plaza
  • sostenibilità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Potrebbe interessarti:

Contatti

Seguici su:

articoli più letti

Testata registrata al Tribunale di Roma in data 5/04/2016 | Fatto con da TechSoup