Le tweetnews del 26 ottobre 2013

0
885

Le principali news della giornata in un twitt:

  1. Le #donne sono più #multitasking degli uomini. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista BMC Psychology da un gruppo di psicologi della Gran Bretagna.
  2. I #mirtilli italiani sono radioattivi. Tokyo blocca le confetture di una nota ditta veneta e ritira dal mercato oltre 5 milioni di barattoli in tutto il Giappone.
  3. Augusto Odone, noto economista della #WorldBank è morto. Era il padre di Lorenzo, giovane affetto da Adl, grave malattia invalidante, al quale dedicò la sua vita per alleviare le sofferenze del figlio e producendo “l’olio di Lorenzo”, unguento che sfida l’ortodossia medica e che ha garantito la vita al figlio fino all’età di 30 anni.
  4. #PDL, ufficio di presidenza sospende e scioglie, de facto, il partito. #Alfano: non entrerò in questa #ForzaItalia estremista
  5. #Tablet di 383 pollici, il più grande al mondo, è stato piazzato al centro di Londra. #Microsoft, il produttore del dispositivo, lancia così il suo nuovo #Surface.
  6. A Bali si è svolto l’Internet Governance Forum – #IGF: 1500 delegati da 111 paesi hanno discusso del futuro di internet a livello globale. Peccato l’assenza dell’Italia, che continua a confermarsi agli ultimi posti a livello planetario per accesso alla rete e banda larga.
  7. #SMAU2013 a Milano si conclude con la premiazione del SMAU Mob App Awards con le migliori #App italiane. La selezione è avvenuta su 640 candidature, registrando un incremento del 25% rispetto all’anno precedente.
  8. In Francia neonato è stato sottratto alla potestà della madre #vegana. Nutriva il piccolo di 5 mesi solo con latte di riso, con grave rischio per la salute, difatti il bimbo pesa solo 5 chilogrammi.
  9. #Renzi lancia la #Leopolda 2013, convention nazionale targata dal giovane rottamatore. Dal palco attacca la #Bindi: mantenga la presidenza della commissione #antimafia, ma rinunci all’indennità.
  10. #Maria, la bimba bionda ritrovata in un campo #rom in Grecia, ha ritrovato la sua famiglia. La madre, di nazionalità bulgara, attraverso il test del #Dna ha dimostrato la sua maternità.

LASCIA UN COMMENTO