In formula 1 non sanno più che cavolo inventarsi

0
967

Io la formula 1 più passano gli anni e meno la sento, un pò quello che succede ad alcuni con il Natale. Nello sport, perchè l’automobilismo viene considerato comunque sport, capita ad ogni generazione di appassionati di fare confronti e rimpiangere epoche e campioni del passato, il calcio da questo punto di vista fa scuola.

Ma in formula 1 succede qualcosa in più. Ogni anno le regole vengono stravolte, spesso a stagione in corso. Oltre alla meccanica e all’aereodinamica  si va dal numero massimo di gomme utilizzabili in un gran premio, all’utilizzo di tutte le mescole: dure, morbide,ecc. Il motore non può essere cambiato fin quando non si rompe. C’è un alettone che può essere aperto solo durante la fase di sorpasso, solo una volta nel giro, solo se i è ha una certa distanza dalla macchina che sta davanti. Anche la sosta ai box nelle ultime stagioni è stata snaturata. Il cambio gomme e rifornimento ormai era spesso l’unico modo per approntare strategie e guadagnare posizioni. Ora il rifornimento non esiste più, si parte con il pieno, con piloti costretti a mettere a folle nelle discese per non ritrovarsi a secco. Si cambiano solo le gomme, operazione da meno di tre secondi.

Ora l’ultima trovata del simpatico vecchietto Ecclestone è questa: ultimo gran premio assegnerà il doppio dei punti al primo e al secondo all’arrivo. Praticamente molti campionati avrebbero avuto un esito diverso. Tra i primi ad arrabbiarsi per questa decisione il quattro volte campione del mondo Vettel, esempio più eclatante dei miracolati dell’elettronica applicata alle auto. Niki Lauda qualche anno fa disse:”queste macchine le potrebbero portare pure delle scimmie”.

Questa cosa del punteggio diverso in una gara, soprattutto se si tratta dell’ultima stravolge tutto. Sembra quasi quel “chi segna vince”, che si faceva quando le partite a calcio da piccoli duravano 8 0re di fila. Una cosa che mi ha sempre fatto incazzare. E credo che sia lo stesso per qualsiasi sportivo che per un’intera stagione ha lottato per l’obiettivo finale e se lo vede sfilare magari dall’ultimo giro dell’ultimo GP a punteggio speciale.

I signori della F1 continuano ad inventarsi di tutto per aumentare lo spettacolo ma non si sono resi conto che l’unica cosa che aumenta sono gli appassionati che si allontanano sempre di più da questo sport.

LASCIA UN COMMENTO