Karl Lagerfeld. Il Kaiser della moda colpisce ancora

0
2228

Karl Lagerfeld, direttore creativo di Chanel, ha sbalordito il suo pubblico con una sfilata che rimarrà nella storia del prêt-à-porter. Tema scelto: il supermarket, con un chiaro il riferimento alla Pop Art.

Pochi giorni fa, Stefano Gabbana ha pubblicato una foto sul suo profilo Instagram, accompagnata dal seguente commento: “Chanel ha vinto la stagione!!!!geniale!!!”. Nell’immagine, tuttora visibile, appare una giovane modella con un lungo cappotto color panna, che traina un carrello della spesa, contenente prodotti alimentari. Alle sue spalle si intravedono scaffali pieni di merci, posizionate in maniera così ordinata e precisa, al punto che l’impressione è quella di trovarsi di fronte a un vero e proprio supermercato.

Non a caso, lo scatto si riferisce all’ultima sfilata di Chanel dello scorso 4 marzo, svoltasi nel Grand Palais di Parigi, trasformato per l’occasione in un grande “Chanel Shopping Center”, in cui era possibile trovare finti prodotti commerciali, rigorosamente etichettati con il nome del marchio francese. Pasta, formaggi, salse, detersivi, birra, creme, marmellate, corn flakes, cartelli in cui erano riportate le offerte del giorno, tutto appositamente creato in funzione dell’evento, per un totale di oltre 100,000 pezzi esposti, curati maniacalmente in ogni dettaglio.

La musica era a tratti interrotta dalla voce di alcuni altoparlanti, che con una seducente pronuncia francese  emettevano frasi del tipo “La giovane Marina sta aspettando i suoi genitori alle casse”, “Mrs Martin è atteso al reparto cibi freschi”, oppure “Siete pregati di affrettarvi alle casse. Stiamo per chiudere”. Il Palais si differenziava però da un comune Carrefour, soprattutto per la presenza degli invitati seduti negli spalti, sistemati intorno al finto scenario.

chanel rihanna
Rihanna e Cara Delevingne

Chi veste Chanel può frequentare anche il supermercato, questo il concetto che Lagerfeld sembrerebbe voler trasmettere al suo pubblico, sebbene sia piuttosto impossibile che uno dei fashion designer più influenti al mondo, si rechi in prima persona a fare la spesa nella vita quotidiana. “Per me il supermercato è la Pop Art di oggi”, ha specificato lo stilista tedesco, tra l’altro anche direttore artistico di Fendi, dopo aver regalato uno show che rivoluziona il concetto di sfilata, in cui le modelle non hanno solo camminato, ma anche interagito con la scenografia, guardando e toccando gli oggetti esposti.

L’ultima collezione autunno-inverno 2014/15, firmata da colui che è noto nel mondo della moda quale il “Kaiser”, era piena di giacche, tute e maglioni oversize di vari colori e fantasie, dal grigio, al rosa, al fucsia, al giallo, tessute in tweed, sotto le quali spuntavano eccentrici leggings aderenti dalle tinte metalliche. Ai piedi delle modelle stivali da boxeur, alti fin sotto il ginocchio, nonché sneakers dai toni sgargianti, indossate con nonchalance insieme ai tipici completi gonna e giacca alla Coco. Poi ancora magliette bucate con ombelico a vista, guanti, piume, perle e capigliature caratterizzate da lunghe code, da cui pendevano nastri  e fiocchi colorati.

Il matrimonio perfetto tra comodità e stile, in linea con le nuove necessità di quelle che Alison Wolf, docente al King’s College di Londra, ha definito “donne alfa”, ovvero la categoria di donne lavoratrici “per cui fare carriera è normale”, convinte che sia meglio “l’indipendenza economica, perché è da lì che passa la vera parità con gli uomini”. La nuova donna firmata Chanel, sembrerebbe proprio venire incontro ai ritmi di vita frenetici di queste ultime, che nel prossimo autunno saranno autorizzate a recarsi in ufficio non necessariamente con il tacco 12, ma anche calzando delle comode scarpe sportive, abbinate all’immancabile tailleur.

Alla fine della sfilata, Lagerfeld ha fatto la sua uscita in passerella, accompagnato mano nella mano dalla super modella britannica Cara Delevingne. Quest’ultima, insieme all’amica Rihanna, presente in sala tra gli invitati, ha poi iniziato a farsi fotografare in una posa molto singolare quanto simpatica: dentro il carrello della spesa, trasportata qua e là fra gli scaffali dalla cantante, che a sua volta si è lasciata immortalare mentre giocherellava con i finti prodotti marchiati Chanel.

Dopo gli abiti ispirati al fast food più famoso del mondo, McDonald’s, proposti da Jeremy Scott per Moschino durante l’ultima fashion week milanese, ecco che è ancora il cibo ad essere protagonista nella moda. Un binomio quest’ultimo, decisamente azzardato, se si considera il fatto che i peccati di gola non sono certamente all’ordine del giorno nella vita delle statuarie modelle.

 Per vedere le altre foto: http://chanel-news.chanel.com/it_IT/home.html

A cura di Silvia Di Pasquale.

LASCIA UN COMMENTO