Asia e Oceania ai mondiali. Giappone, Corea del Sud, Iran e Australia

0
3000

La pattuglia delle squadre provenienti dall’Asia è la meno nutrita, tre rappresentative, Giappone, Corea del Sud e Iran, con l’aggiunta dell’Australia.

Giappone

Japanese football squadIl Giappone di Zaccheroni è una buona squadra. Vincitori della coppa d’Asia nel 2011, nelle sue fila militano diversi giocatori impegnati nei campionati europei come i due italiani Nagatomo, forte terzino sinistro dell’Inter e il fantasista rossonero Honda che al Milan però non ha ancora fatto vedere molto. A centrocampo esperienza del veterano Endo e la forza di Kagawa del Manchester United. Il Giappone si ritrova nel girone  C con Grecia , Costa D’Avorio e Colombia. Non è detto che i ragazzi di Zaccheroni non riescano nell’impresa di giungere nuovamente agli ottavi di finale.

Corea del Sud

corea-del-sudLa Corea del Sud non è molto amata da noi in Italia, memori dello scandaloso mondiale del 2002 proprio in Corea e Giappone. Ma in quel caso la colpa fu soprattutto di chi permise certi scempi, quindi Fifa ed arbitro Moreno. Gli asiatici ormai si stanno abituando a partecipare alla fase finale dei mondiali. I coreani tuttavia hanno vissuto un periodo di cambiamenti e di “stelle” come Park Ji-Sung non ce ne sono più. Corea del Sud nel girone  H con Algeria, Russia e Belgio, ma difficilmente riuscirà a giocarsi un passaggio del turno.

Iran

IranL’Iran è alla quarta partecipazione ad un mondiale e non ha mai superato il girone. I persiani sono guidati dall’esperto portoghese Queiroz, un allenatore rigido, fedelissimo ai suoi schemi. La nazionale iraniana ha nell’attaccane impegnato in Europa il suoi punto di forza Dejagah del Fulham, mentre l’uomo squadra resta il capitano Nekounam. Iran nel gruppo con F con Nigeria, Argentina e Bosnia.

australiaAustralia

Diciamo subito che l’Australia è spacciata. Si trova infatti nel girone B, quello che vede Spagna campione in carica e Olanda vicecampione del mondo di quattro anni fa, se non bastasse completa la lista il Cile di Vidal. Quindi per i socceroos si tratterà di una bella esperienza nella patria del calcio. A capo della squadra Tim Cahill ed il vecchio Mark Bresciano.

LASCIA UN COMMENTO