Diplomazia e Cooperazione Internazionale alla Pontificia Università Lateranense

0
971
cooperazione diplomazia conflitti identità religiose

La Pastorale della Pontificia Università Lateranense e l’International Observatory of Young Catholics presentano il secondo dei tre incontri volti ad approfondire temi di attualità, cooperazione e fede

Aggiornamento 17 marzo evento rimandato a data da destinarsi

“Diplomazia e Cooperazione Internazionale”, è  questo il titolo del convegno che si terrà mercoledì 18 marzo alle ore 15.00, presso l’Aula Pio XI della Pontificia Università Lateranense. Nell’ateneo che Giovanni Paolo II definì “l’Università del Papa a titolo Speciale”, saranno chiamati a discutere del tema, dopo i saluti di indirizzo di S.E. Mons. Enrico dal Covolo, Rettore Magnifico della Pontificia Università Lateranense, S.E. Nigel Baker, Ambasciatore della Gran Bretagna presso la Santa Sede, il Prof. Vincenzo Buonomo, Ordinario di Diritto Internazionale, ed il Dott. Domenico Musso, Direttore dell’Osservatorio Internazionale dei Giovani Cattolici. L’incontro sarà moderato da Fabiomassimo Battaglia.

Le nuove sfide poste alla cooperazione, ed in particolare il rapporto tra profit e non profit, rappresentano temi importantissimi a cui sono chiamati a discutere i professionisti, i quali devono avere competenze di co-progettazione tra profit, non profit ed istituzioni per un’internazionalizzazione responsabile delle attività di commercio, investimento e cooperazione economica, nel rispetto dei diritti umani, del lavoro e dell’ambiente. Ma questo deve e può avvenire soprattutto anche grazie ad una importante conoscenza delle religioni, delle identità culturali e delle tradizioni, che devono porsi come strumenti di diplomazia alla cooperazione. Troppo spesso la cooperazione viene vissuta come un’attività di sostegno economico, ma prima ancora deve passare come attività di sostegno alla civiltà.

L’evento si svolgerà in collaborazione con con il Master in Nuovi orizzonti di cooperazione e diritto internazionale della PUL e con la SPICeS, Scuola di Politica Internazionale, Cooperazione e Sviluppo, arrivata alla sua XXIV edizione.

LASCIA UN COMMENTO