Montemiletto: l’ultimo saluto al cane Fiume

0
2435
montemiletto-fiume-cane

Domenica scorsa si sono tenuti i funerali di Fiume, il cane randagio impiccato da uomini senza scrupoli a Montemiletto nell’avellinese

L’atroce fine di Fiume ha fatto il giro del web e non solo nei giorni scorsi e su iniziativa dell’associazione irpina  “Proposta concreta”, una volta cremato, il bellissimo cane riposa presso il cimitero “Il Riposo di Snoopy” a Baiano (AV). A dare l’ultimo saluto a Fiume tanti cittadini, esponenti politici e associazioni animaliste, l’Istituto Zooprofilattico di Monteforte Irpino e le Guardie Zoofile di Avellino. La polizia municipale del comune irpino ha avviato le indagini per risalire all’identità dell’autore di tale orrore, con la speranza che anche quest’ultimo canicidio non passi in sordina una volta spenti i “riflettori”.

 

Di seguito riportiamo integralmente una nota rilasciata dall’associazione montemilettese:

Questa mattina presso il CIMITERO PER CANI Il Riposo di Snoopy di Baiano (AV) è stato cremato FIUME, il cagnolino che abbiamo trovato impiccato ad una corda sotto ad un ponte di Montemiletto.
Cogliamo l’occasione per ingraziare il Riposo di Snoopy per aver ospitato Fiume, Teresa D’avanzo per la bellissima cerimonia di questa mattina, il Sindaco di Baiano Enrico Montanaro per aver dimostrato grande SENSO CIVICO per aver donato la targa davanti al Cinerarium dove è stata collocata l’urna, l’ex Sindaco di Sperone Salvatore Alaia per la sua presenza e vicinanza, le tantissime associazioni animaliste, l’Istituto Zooprofilattico di Monteforte Irpino, il dott. Veterinario D’Alessio Nicola per tutto quanto ha fatto, (procedure amministrative e autopsia) le Guardie Zoofile di Avellino, l’ Associazione dei Carabinieri, tutte le persone che hanno visto, commentato e condannato questo tragico e orribile atto di crudeltà gratuita.
Da quando abbiamo pubblicato le foto sulla nostra pagina abbiamo preferito rimanere in silenzio, non rilasciare alcun tipo di dichiarazione, volevamo che fossero le persone a dire la loro opinione, i giornali a scrivere in piena autonomia, e la risposta c’è stata, più di quanto potevamo mai immaginare, quasi CINQUANTAMILA PERSONE da ogni parte della Campania e d’Italia hanno visto, commentato e condiviso la tragica fine di FIUME, CONDANNATO l’autore o gli autori di tale crimine tanto da farlo diventare un simbolo delle atrocità commesse sugli animali, come dire la sua morte non è stata vana.
Ma ora che tutto è finito e Fiume riposa in pace, ci sembra doveroso dire anche noi la nostra.
Siamo sicuri di aver fatto benissimo a pubblicare quelle terribili foto per una serie di motivi, il primo e più importante di tutti è che bisogna sempre prendere atto della realtà e non nascondere la testa come uno struzzo, c’era bisogno che qualcuno desse un messaggio chiaro a chi compie atti vili come questo, se vieni individuato RISCHI GROSSO, quindi, NON IMITATELO, in ultimo dare una degna sepoltura a una creatura innocente per poter riscattare il gesto di un criminale ed educare le nuove generazioni al rispetto per ogni forma di vita.
L’IMMAGINE del nostro paese, caro sindaco Agostino Frongillo, non è stata affatto INFANGATA o DISONORATA a seguito della diffusione della notizia, anzi al contrario, noi riteniamo che proprio l’aver DENUNCIATO l’accaduto, aver richiesto la RESTITUZIONE DEL CORPO, avergli dato una degna SEPOLTURA ha potuto in qualche modo RISCATTARE l’onore e la dignità del nostro paese, occultare tutto con il silenzio sarebbe servito solo a convincere i criminali che siamo tutti loro complici, che cose del genere vengono TOLLERATE e COPERTE per non disturbare L’IMMAGINE DEL PAESE CARTOLINA. Ci dispiace caro Sindaco ma da lei ci saremmo aspettati almeno DUE PAROLE di SDEGNO e di DURA CONDANNA, in quanto l’unico a rimanere in SILENZIO è stato Lei e per il ruolo che ricopre non doveva e non poteva permetterselo, la targa e i fiori, avrebbero dovuto donarli il Comune di Montemiletto, Baiano non aveva fatti da dover riparare o cose di cui farsi SCUSARE. Per rimediare almeno in piccola parte alle sue mancanze e alle mancanze della sua Amministrazione, dica pubblicamente che il Comune di Montemiletto si costituirà PARTE CIVILE ogni qualvolta ci saranno processi o saranno commessi atti di VIOLENZA CONTRO GLI ANIMALI, ATTI DI VIOLENZA CONTRO LE PERSONE E L’AMBIENTE, DENUNCIANDO LEI PER PRIMA CHI INQUINA E CHI AMMAZZA.
E CHE FIUME POSSA RIPOSARE IN PACE!!!

LASCIA UN COMMENTO