Expo, aperti i Mercati di Traiano di Civitavecchia

0
977
Expo, riapertura Mercati di Traiano di Civitavecchia

di Rachele Domestico

Questa è l’immagine che dopo due millenni si ripresenta per il porto di Civitavecchia, con la riapertura degli antichi mercati di Traiano, che ospiteranno il Terminal del Gusto di Campagna Amica Coldiretti, con l’obiettivo di accogliere i turisti che giungeranno in Italia per l’ Expo 2015.

Il porto di Civitavecchia è conosciuto fin dai tempi antichi come “porto di Roma”, e l’impegno della città di Civitavecchia e Coldiretti è quello di farlo diventare il porto di Expo 2015. Fondato dall’imperatore Traiano intorno al 107 d.C, ha rappresentato per molti secoli il fulcro degli scambi e dei contatti tra i popoli dell’antico “Mare Nostrum”. I lavori vennero progettati dall’architetto Apollodoro di Damasco e rispecchiava i criteri architettonici del tempo. Oggi il porto si configura in maniera multifunzionale. Diviso in due macro aree: a sud quella dedicata al turismo, al diportismo e alle crociere; a nord l’area per i traffici commerciali, la pesca e il cabotaggio.
Nella località denominata Calata Principe Tommaso di Savoia nasce il Terminal del Gusto di Campagna Amica Coldiretti, uno spazio di circa mille cinquecento metri quadri, utilizzato per la commercializzazione dei prodotti agroalimentari “Made in Italy”, proprio in vista dell’ Expo universale sull’alimentazione e l’enogastronomia di Milano.  Ben 61 imprese nazionali e cooperative aderenti a Uecoop hanno deciso di investire sul futuro, creando un servizio di accoglienza e ristorazione per tutti i turisti e passeggeri in transito, specialmente quelli che poi si dirigeranno all’ Expo. Una location ricca di interesse storico e culturale: una chiesa di epoca romana, una fonte battesimale e i muri in opus reticolatum in perfetto stato di conservazione. Ci saranno servizi turistici ed enogastronomici, incentrati sulle tradizioni del territorio. Servizi di ristorazione, scuola di cucina, laboratori didattici, eventi a tema, show cooking, food experience, percorsi tematici ma anche punto di informazione turistica con la partnership di Tour e Cruise operator.
Il progetto della Coldiretti nasce come proposta fondata sui valori enograstronomici del territorio ma anche come sostenibilità ambientale e rapporto diretto tra produttore e consumatore. Sarà “Una sorta di Expo permanente del prodotto tipico” così afferma Aldo Mattia presidente di Buono Srl, la società capofila del progetto che ha aggregato tutte le aziende presenti al terminal. Il Terminal del Gusto quindi è un percorso non solo di valore economico per la crescita del territorio ma è soprattutto un percorso che riporta a quelle tradizioni a cui l’Italia è rimasta sempre legata.

LASCIA UN COMMENTO