28 aprile 2003: muore Ciccio Ingrassia

0
1707
28 aprile 2003: muore Ciccio Ingrassia

Siciliano per eccellenza, Francesco Ingrassia, meglio conosciuto con il nome di Ciccio, nacque il 5 ottobre del 1922 a Palermo da una famiglia modestissima.

Sin da subito mostrò una forte propensione per l’umorismo e così, ottenuta la licenza media, iniziò subito a lavorare per mantenersi e per raggiungere i suoi obiettivi. Già da giovane, infatti, l’attore era particolarmente propenso al mondo dello spettacolo e affascinato dai suoi grandi interpreti.

L’esordio dell’artista avvenne nel 1944 quando insieme a Enzo Andronico e a Ciampolo formarono il Trio Sgambetta che segnò l’inizio di una lunga gavetta che porterà Ciccio a divenire uno degli attori più popolari e amati nel mondo del cinema del Dopoguerra.

Era il 1957 quando, insieme a Franco Franchi, diede vita a una delle coppie più celebri del grande schermo, che per decenni rappresentò la commedia all’ italiana nel mondo. Sin da subito i due attori riuscirono a guadagnarsi un largo consenso tra gli strati più popolari, ma dovettero la loro prima grande occasione a Domenico Modugno, che sin da subito si rese conto dell’eccezionalità del duo. In quel caso però si trattò solo di una breve apparizione, che avrebbe segnato l’inizio di una lunga frequentazione con il grande schermo.

Centocinquanta sono le pellicole che li videro protagonisti, tra le quali ricordiamo alcune divertenti parodie di famosi film italiani e stranieri: “I brutti di notte”, “Sedotti e bidonati”, “L’ultimo tango a Zagarolo”, “Indovina chi viene a merenda”; ma anche numerosi film d’autore, diretti da registi del calibro di Pier Paolo Pasolini e Vittorio De Sica. I due condivisero più di quaranta anni di carriera, fino al 1992, anno della morte del suo compagno Franco Franchi.

Tra i due Ciccio risultava sicuramente più serio e controllato, tanto che spesso i personaggi da lui stesso interpretati risultano in contrapposizione a quelli recitati dal suo compagno, di gran lunga più comici e stereotipati. Inoltre anche la sua fisicità lunga e allampanata riuscì a fare sempre da contrappunto naturale alle smorfie clownesche di Franco.

Ciccio Ingrassia si spense il 28 aprile del 2003 a Roma, all’età di 80 anni a causa di una serie di complicazioni dovute a problemi respiratori di cui soffriva da qualche anno.

LASCIA UN COMMENTO