GromSearch Italy, il surf torna protagonista

0
1913

Dopo settimane di attesa si è potuta finalmente disputare la prima edizione del Rip Curl GromSearch Italy riservato ai rider del domani. Spettacolo e acrobazie mozzafiato hanno entusiasmato Santa Marinella

Era solo questione di tempo e, prima o poi, il mare di Santa Marinella avrebbe regalato loro la possibilità di sfidarsi a colpi di virate e planate sulle creste delle onde sopra una schiuma ribollente. Mentre il cielo, fino a poche ore prima grigiastro e pronto a scaricare l’ennesimo acquazzone, si apriva lasciando filtrare i raggi del sole, una moltitudine di giovani serfisti e professionisti provenienti da tutta Italia si preparava sul bagnasciuga per entrare in acqua e dare il via alla prima edizione del Rip Curl GromSearch Italy. A ospitare l’evento e gli organizzatori del primo contest tricolore, capitanati da Alessandro Marcianò, il Banzai di Santa Marinella.

Lo spot, rinomato per chi ama correre sulle onde sopra il surf, si è presentato con oltre un metro d’onda, condizione ottimale per disputare tutte le categorie ammesse in gara.

grom-search_2015088

La prima categoria a sfidarsi è l’Under 12. I piccoli partecipanti, emozionati dal fatto di ritrovarsi da soli in uno degli spot più famosi del nostro Paese, hanno faticano all’inizio a raggiungere sul surf le onde più grandi per la forte corrente. In acqua, a supporto dei ragazzi, la pluricampionessa italiana Valentina Vitale. A qualificarsi i più esperti catanzaresi Venturini, Santucci e Funari.

Subito dopo tocca alle ragazze dimostrare la loro stoffa sulla tavola da surf. Altro che sesso debole… Mozzafiato la finale a quattro che ha visto, alla fine, prevalere la tecnica di Onda Pacitto ed Emma Iacopini, rispettivamente prima e seconda.

Mentre i rider del domani salgono e scendono dalle creste delle onde sul surf, a terra il contest director Alessandro Marcianò commenta al microfono le varie heat con affianco il responsabile Rip Curl Italia, Andrea Civelli. La giuria è composta da alcuni dei migliori giudici italiani come Marco Gregori, head-judge di livello internazionale dalla grande esperienza.

11013000_793755087387880_3165969233127597318_o

Chiuse le heat riservate agli U12, è arrivato il momento degli Under 14.  Le condizioni del mare sostanzialmente rimangono stabili: la fase più critica e delicata per tutti rimane la scelta dell’onda giusta da cavalcare con la propria tavola da surf. Marabici, Manzo, Politi lasciano il passo e l’accesso alla finale ai quattro surfisti più in forma: Bramucci, Caruso, Spadoni e Calatri, vincitore.

Si sale ancora di categoria (tocca agli U16) e le manovre acrobatiche dei rider divengono più “sofisticate” e spericolate. Il vento costante soffia da mare ma non rovina i continui set in arrivo proprio di fronte al villaggio Rip Curl, allestito in spiaggia.  Dopo un primo girone di qualificazione si arriva alle due semifinali dove Di Fazio, team rider Rip Curl Italia, non riesce ad esprimere il suo pieno potenziale così come De Maria. Ne approfittano Maiorca, Lucchini e il laziale Pacitto, impegnati a sbarrare (senza successo) l’avanzata del toscano Migliorini che proprio in extremis cattura la vittoria nella sua categoria. Sarà lui dunque a partecipare alla finale europea che si terrà nel 2016.

grom-search_2015050

 

GIRLS

1)    Onda Pacitto

2)    Emma Iacopini

3)    Ottavia Salvati / Matilde Sanchietti

 

UNDER 12

1)    Ian Catanzarini

2)    Alessandro Venturini

3)    Giorgio Santucci

4)    Valerio Funari

 

UNDER 14

1)    Matteo Colatri

2)    Edoardo Spadoni

3)    Giulio Caruso

4)    Daniel Bramucci

 

UNDER 16

1)    Mattia Migliorini

2)    Mauro Pacitto

3)    Giacomo Lucchini

4)    Mattia Maiorca


www.ripcurl.com

 

LASCIA UN COMMENTO