Il volontariato a servizio di un Expo “sociale”

0
662
volontariato expo

Il volontariato scende in campo ad Expo 2015. Più di 20.000 i giovani volontari pronti a vivere un’esperienza di crescita personale

A pochi giorni dalle contestazioni della manifestazione No Expo avvenuta a Milano, anche contro lo sfruttamento presentato sotto forma di volontariato, l’Esposizione Universale continua a registrare dati soddisfacenti in termini di affluenza. Particolarmente apprezzata, soprattutto dagli appartenenti alla categoria, l’iniziativa riguardante i “biglietti scuola” : al costo di 10 € gli studenti delle scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado potranno acquistare i ticket per entrare all’Expo 2015. Una piccola città nella città, che ruota intorno a un unico tema; quello dell’alimentazione.

E, se l’attenzione nei confronti degli studenti, la sostenibilità ambientale, l’incontro fra culture e tradizioni diverse, e il focus “Nutrire il Pianeta energia per la Vita” sono tutti concetti strettamente correlati e sentiti dal Terzo Settore, un punto fermo dell’Expo di Milano va ricercato proprio nelle figure dei volontari. Oltre ventimila impegnati in ruoli di accoglienza e assistenza al pubblico. Di questi, 7 mila selezionati dal programma Volontari per Expo 2015, (che conta il 78 per cento di candidature provenienti da italiani e il restante 22 per cento da ben 120 paesi diversi, con una predominanza di cinesi). Tutti giovani. Sei su dieci hanno infatti meno di 25 anni. Se le polemiche sullo sfruttamento giovanile sono tante, Edoardo Patriarca – deputato del Partito democratico e presidente del Centro Nazionale per il Volontariato (Cnv) – le ha affrontate dichiarando che le numerose candidature giunte rappresentano un forte impegno proveniente dal volontariato. “È un esempio di come attorno ad un evento mondiale si sono mosse competenze, abilità e passioni civili che dimostrano che il Paese c’è. […] In realtà la maggior parte dei volontari sono ragazzi che già lavorano e vivono questa esperienza nella gratuità e sono presenti a questo evento anche per capire meglio il mondo in cui vivono”.

Un Expo, dunque, che fa del sociale elemento fondante. E in quest’ottica si pone anche l’iniziativa “Volontari per un giorno @ EXPO 2015”: vivere la propria esperienza di volontariato, per 5 ore e mezza, ogni lunedì per tutta la durata dell’Expo. Il progetto è rivolto non solo ai cittadini, ma anche alle imprese e a quanti vogliano conoscere direttamente il mondo del volontariato per vivere un momento di crescita personale. Volontari per un giorno è la più grande campagna di volontariato mai realizzata a Milano e provincia; campagna che ha approfittato delle potenzialità dell’Expo per dar vita, appunto, all’iniziativa appena descritta.

In un mondo in cui l’esperienza sembra esser diventata centrale nei comportamenti d’acquisto e nelle azioni quotidiane più semplici, il volontariato coglie bene questa volontà. Un’esperienza, quella proposta, che è possibile ottenere però solo mettendosi a servizio degli altri.

LASCIA UN COMMENTO