La vellutata di zucca è una dolce e saporita crema, una ricetta ideale per utilizzare la zucca in modo facile e veloce.

La zucca è la regina incontrastata dei miei piatti autunnali, la sua polpa carnosa e dolce è l’ideale per mille ricette: lasagne, polpette, ravioli, contorni e tanto tanto altro ancora.
Ma il mio comfort food legato alla zucca è sempre la vellutata.

Vediamo insieme come preparare la mia ricetta: light, dolce e delicata.

_MG_9501


INGREDIENTI (per 4 persone):

  • 1 kg di zucca gialla pulita
  • 200 gr di papate
  • 1 cipolla bianca
  • Brodo vegetale
  • Olio EVO
  • Sale
  • Rosmarino
  • Salvia
  • 4-5 Crostini di pane raffermo a persona
  • Semi di zucca
  • Pepe nero

PROCEDIMENTO:

  • Pulite la zucca e le patate e tagliate tutto a pezzi di medie dimensioni.
  • In una pentola capiente fate rosolare la cipolla, poi abbassate la fiamma e fate stufare con mezzo bicchiere di brodo vegetale.
  • Quando il brodo si è asciugato, aggiungete i pezzettoni di zucca e patata.
  • Far rosolare bene, aggiungete sale e pepe nero, un rametto di rosmarino e qualche foglia di salvia.
  • Lasciar cuocere per qualche minuto.
  • Coprite la zucca con il brodo vegetale, mettete il coperchio alla pentola e lasciate cuocere a fuoco lento fin quando la zucca e le patate non si saranno completamente disfatte. Ci vorrà almeno mezz’ora.
  • Usate direttamente il frullatore ad immersione nella pentola (togliendo prima il rosmarino e la salvia) e frullate tutto fino a far diventare una crema senza grumi.
  • Se dovesse risultare troppo densa aggiungere un po’ di brodo, al contrario se dovesse risultare troppo liquida potete rimetterla sul fuoco per qualche minuto. Oppure aggiungere un cucchiaio di maizena o fecola.
  • Tostate i crostini di pane e, separatamente, i semi di zucca.
  • Servite mettendo i crostini sul fondo del piatto, riempite il piatto con la vellutata e, infine, i semi di zucca tostati.
  • Finite con un filo di olio evo e un pizzico di sale.

_MG_9525

Buon appetito,

Daniela Ceravolo – La forchetta sull’atlante

 

LASCIA UN COMMENTO