Budapest è una città frizzante, giovane e molto interessante. Assieme a Praga, la capitale ungherese è il luogo ideale per scoprire l’Europa dell’est e addentrarsi nella cultura e nella storia orientale europea.

Un weekend lungo a Budapest è sufficiente per scoprirla nei suoi aspetti principali, per visitare i luoghi di maggiore interesse e per vivere gli aspetti fondamentali della cultura locale: la vita notturna e le terme.

Gli antichi romani ci avevano visto lungo quando stabilirono la loro capitale regionale ad Aquincum (a nord di Budapest) proprio in virtù della possibilità di godere delle sorgenti termali.

Durante il periodo Turco, tra il 1500 e la fine del 1600, vennero costruiti i bagni più moderni, alcuni dei quali sono ancora in uso. I Turchi infatti prediligevano le terme per osservare i riti di purificazione prescritti dalla religione musulmana.

Le famigerate acque termali di Budapest meritano sicuramente almeno una visita durante il soggiorno nella città.

Non pensate alle terme come un luogo di raccolta di vecchini pieni di acciacchi perché ce n’è per tutti i gusti, comprese le discoteche d’acqua frequentate da molti giovani (Magic Bath e Cinetrip) in cui il divertimento, come nello stile delle notti di Budapest, è assicurato!

Szechenyi-Baths-Spa-Party-Budapest

Immergersi nelle calde acque termali, circondati da strutture architettoniche e artistiche degne di nota sarà come immergersi nella cultura degli abitanti ungheresi, tradizione a cui non saprebbero rinunciare.

Gli stabilimenti termali sono delle vere e proprie opere d’arte e offrono una grande varietà di soluzioni per chi voglia recarsi per poche ore o per l’intera giornata, per rigenerare il corpo e la mente.

Le temperature variano dai 20°C ai 76°C e provengono da centinaia di sorgenti naturali.

Bagni Kiràly

Le terme Kiràly furono costrute dal pascià di Buda Mustapha Szokoli e sono uno dei più begli esempi di architettura termo-balneare ottomana. Le acque provengono dalle fonti Lukàs dove si trova l’omonimo bagno. Questi bagni sono caratterizzati da quattro cupole di cui una sormontata dalla mezzaluna d’oro. All’interno vi accoglierà la sala con la piscina ottagonale.

kiraly

Bagno Széchenyi

Il bagno Széchenyi è uno degli stabilimenti storici di Budapest nonché uno dei più grandi di tutta Europa con le sue 5 piscine e i 12 bagni termali. E’ stata la prima stazione termale di Pest (1913) e si trovano nel cuore del Parco cittadino di Varosliget.

La maggior parte delle vasche è all’aperto ma la temperatura dell’acqua delle sorgenti, che in alcuni casi raggiunge 77 gradi, ed il conseguente vapore determinato dal calore consentono di giovare dei bagni anche in pieno inverno (io l’ho provato a fine inverno!)

mytravelife-irina-budapest

Si compongono di un pittoresco complesso di edifici in stile neobarocco. Statue, mosaici, stucchi e decorazioni rendono queste terme uniche.

Bagni Gellért

I Bagni Gellért sono un vero e proprio gioiello architettonico impreziosito da favolosi mosaici di ceramica “Zsolnay”, statue in marmo, vetrate dipinte; un elegante edificio in stile Liberty che colpisce per l’imponenza della struttura, lascia incantati per lo sfarzo degli ambienti e degli arredi originali in stile Art Nouveau.

Il complesso termale Gellért sorge ai piedi della collina Gellért laddove, sin dal Duecento, si riteneva esistessero sorgenti miracolose. Venne costruito durante gli anni della Prima Guerra Mondiale, fu inaugurato nel 1918.

Oltre al bagno termale e all’annesso hotel di lusso, sono presenti una piscina aperta ad onde artificiali circondata da un bel parco e da una terrazza, e una piscina coperta di acqua gassata con tetto apribile, piccolo capolavoro di architettura. Grazie alla piacevole temperatura delle acque (da 27° a 48°C) ed ai loro salutari effetti, ai massaggi e a trattamenti di cui si può beneficiare sarà come “tuffarsi” in un’altra epoca, quella della Belle epoque ungherese dei primi del Novecento.

gellert

Bagni Rudas

I Bagni Rudas risalgono alla metà del ‘400 e conservano il fascino e la sontuosità degli antichi bagni turchi. Sono alimentati da ben 18 sorgenti. Delle acque di tre di queste fonti, ricche di calcio e  magnesio, è possibile abbeverarsi direttamente dai rubinetti.

Sotto la cupola semisferica, retta da otto colonne, si trova una piscina ottagonale. La luce che filtra dalle finestre punteggianti la cupola crea, insieme all’acqua, uno splendido gioco di colori e riflessi contribuendo ad accrescere l’incanto di questo luogo.

recz

Bagni Rác

I Bagni Rác erano conosciuti sin dal ‘400 ed erano noti come “le terme reali“. Si narra, infatti che il re Mattia fece costruire un corridoio per collegare le terme al Palazzo Reale. Nel ‘500 i Turchi realizzarono la piscina con cupola conferendo così ai bagni la chiara impronta ottomana. Con la ristrutturazione del 1869  assunsero uno stile più eterogeneo. Oggi sono parte di un lussuoso albergo, il Racz.

recz2

Terme Lukács

Le Terme Lukács, infine, si trovano a Buda e sono anch’esse di origine turca. Dal 1950 sono state considerate come un centro per intellettuali e artisti.

Lukacs

Per scoprire il lato autentico di Budapest l’Associazione Radici nel Mondo, che si occupa di turismo sociale, ha organizzato un viaggio con visita guidata proprio a Budapest, se vi va date un’occhiatina, potrebbe essere l’occasione per addentrarsi in questa splendida città europea.

radici nel mondo budapest

Buon viaggio!

LASCIA UN COMMENTO