Il 22 gennaio del 1944 le truppe di John Lucas hanno dato vita allo “sbarco di Anzio” con l’intento di tagliare le linee di alimentazione tedesche tra Roma e Cassino e isolare così la 10ª Armata Tedesca.

L’operazione militare, chiamata “Shingle”, che consisteva nello sbarco ad Anzio del VI Corpo dell’Armata U.S.A. con a capo J. Lucas, è stata un fallimento. Quando il 22 gennaio del 1944 si riuscì a sbarcare, la tattica militare a terra, che ha sfruttato al meglio l’effetto sorpresa cogliendo impreparati i tedeschi, non ha funzionato fino in fondo, a causa della decisione del gen. J. Lucas di attendere rinforzi.

Il corpo del gen. J. Lucas si è visto costretto a trincerarsi sulle spiagge presso il litorale. Questa decisione ha permesso ai tedeschi, pur colti di sorpresa, di reagire con forza e vigore. Infatti è stata subito messa in piedi la 14ª Armata, comandata da Hans Georg von Meckensen, il quale ha diretto i contrattacchi.

Il 23 febbraio dello stesso anno J. Lucas è stato rimpiazzato dal gen. Truscott; tuttavia l’operazione militare era ormai compromessa e non risolvibile in tempi brevi.

Fino a maggio le forze si sono fronteggiate sul piano strategico. Solamente nel momento in cui Cassino è stata conquistata, si è riusciti a sbloccare la situazione.

Lo sbarco di Anzio, del 22 gennaio 1944, è stata quindi un’operazione militare condotta dagli Alleati sulla costa del Tirreno, avvenuta durante la campagna d’Italia nella seconda guerra mondiale. L’obiettivo da raggiungere era quello di distogliere le ingenti forze degli avversari dal fronte di Cassino, in modo da permettere lo sfondamento della 5ª Armata del gen. Mark Wayne Clark.

Allo stesso tempo, le truppe che sono sbarcate ad Anzio e Nettuno avrebbero dovuto occupare i Colli Albani, per impedire che le divisioni tedesche si ritirassero.

In questo modo sarebbe stato possibile conquistare Roma nel minor tempo possibile per abbreviare così la campagna.

La lunga e logorante battaglia di posizione è continuata fino alla primavera, quando i tedeschi sono stati costretti alla ritirata dopo il crollo del fronte di Cassino.

Tuttavia, l’obiettivo di distruggere le forze tedesche in Italia, non è stato conseguito e così i tedeschi si sono potuti ridisporre sulla Linea Gotica, dove inglesi e americani sono rimasti bloccati per mesi.

L’operazione militare dello sbarco ad Anzio, che doveva sbloccare le truppe dal fronte di Cassino, è stata comunque una manovra strategica in cui sia gli Alleati sia gli avversari hanno avuto molte perdite.

LASCIA UN COMMENTO