Il 31 gennaio Sergio Mattarella è stato eletto dodicesimo Presidente della Repubblica. E’ il primo siciliano a ricoprire questa carica.

L’inizio del 2015, dal punto di vista politico, è stato sicuramente molto importante. Solo un anno fa, infatti, l’allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano rese pubblica la volontà di rinunciare all’incarico. Nonostante il suo secondo mandato scadesse il 20 aprile 2020, il 14 gennaio Napolitano spiegò che, ormai novantenne, preferiva ritirarsi.

Dal giorno del ritiro di Napolitano fino a quello dell’elezione del nuovo Presidente, questa carica fu presieduta dal Presidente del Senato Pietro Grasso.

Il 15 gennaio il Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini convocò il Parlamento per eleggere il nuovo Presidente, E QUESTO si riunì il 29 gennaio alle ore 15:00.

L’assemblea elettiva era formata da 1009 elettori: 6 senatori a vita, 315 senatori eletti, 630 deputati e infine 58 rappresentanti delle Regioni.

Di sicuro, l’elezione di Mattarella non fu delle più semplici: i vari partiti non erano d’accordo sui nomi da proporre per l’incarico e, nel corso delle votazioni, un’imbarazzata Boldrini si ritrovò a leggere, tra i votati, nomi di presentatori tv e di comici.

Finalmente il Partito Democratico si compattò nel votare Sergio Mattarella, e questa scelta venne sostenuta anche dalle minoranze al suo interno, come SEL e Scelta Civica. Al quarto scrutinio, Mattarella è stato eletto Presidente da circa due terzi dell’assemblea elettiva, con 665 voti a favore. 

Sergio Mattarella

Sergio Mattarella ha militato nelle fila del Partito Democristiano, di cui fu anche vicesegretario, così come suo padre Bernardo e suo fratello Piersanti, presidente della Regione Siciliana ucciso da “cosa nostra” nel 1980.

L’attività politica di Mattarella iniziò nel 1983, quando fu eletto deputato, carica che ha mantenuto fino al 2008, occupando i seggi, dopo lo scioglimento della DC, del Partito Popolare Italiano, della Margherita e del Partito Democratico.

Inoltre, Mattarella è stato Ministro per i rapporti con il Parlamento, Ministro della pubblica istruzione, Vicepresidente del Consiglio, Ministro della difesa e giudice costituzionale.

Quirinale/LaPresse11-10-2011 Roma, ItaliaCronacaSergio Mattarella nuovo giudice costituzionaleNella foto: Il nuovo Giudice della Corte Costituzionale On. Prof. Sergio Mattarella, durante la lettura della formula del giuramento alla presenza del Capo dello Stato Giorgio Napolitano

A partire dal giorno del suo insediamento al Quirinale, avvenuto ufficialmente il 3 febbraio 2015, Mattarella ha stupito per il suo carattere dimesso e pacato. La sua ormai proverbiale compostezza è stata presa di mira dal comico Maurizio Crozza, che lo imita nel programma su La7 “Crozza nel Paese delle Meraviglie”.

Ma il gesto che è stato più apprezzato dagli italiani è l’aver rinunciato, a maggio dello scorso anno, al vitalizio da professore universitario che riceveva in precedenza. Un piccolo gesto che ha contribuito a renderlo, agli occhi di diversi italiani, sicuramente più simpatico.

LASCIA UN COMMENTO