Arriva l’estate, si alzano le temperature e con il caldo passa la voglia di cucinare? Ecco un piatto della tradizione culinaria romana: i pomodori col riso!

I pomodori ripieni di riso sono un piatto tipico estivo della tradizione romana.
Io li ho sempre preparati un po’ improvvisando, ricordando come li faceva mia nonna in Calabria… si riempivano col riso al pomodoro già cotto e si facevano grigliare in forno.
Lo scorso anno ho assaggiato quelli preparati dalla mamma del mio ragazzo (ricetta romana doc) e me ne sono innamorata!
Il pomodoro, le patate, le cipolle… un mix di gusti che si fondono per creare un piatto inconfondibile e facile da preparare.

Pomodori col riso_ la forchetta sull'atlante


Ingredienti:

  • 8 Pomodori “da riso” maturi
  • 8 pugnetti in base alle dimensioni dei pomodori Riso Arborio
  • 2-3 spicchi Aglio
  • 3-4 medie/grosse Patate a pasta gialla
  • q.b Origano secco
  • Basilico fresco
  • Prezzemolo fresco
  • q.b Olio extravergine d’oliva
  • q.b Sale

_MG_1876


PROCEDIMENTO:

  • Lavate bene i pomodori, tagliate la calotta e svuotateli delicatamente.
  • Mettete la polpa in un recipiente e frullatela grossolanamente.
  • Aggiungete l’aglio (io preferisco schiacciarlo e ridurlo tipo pasta d’aglio), le erbe aromatiche (prezzemolo, basilico, origano, il sale e olio).
  • Aggiungete il riso crudo e lasciate insaporire minimo 30 minuti… Più lo lasciate e più sarà buono.
  • Trascorso un po’ di tempo, riempite i pomodori con il riso (che risulterà un po’ ammorbidito) e chiudete con le calottine.
  • Adagiateli in una teglia e aggiungete le patate tagliate a spicchi e le cipolle (nel mio caso tagliate a pezzi ma se trovate le borettane piccole sono le migliori!)
  • Condite con olio, sale e origano.
  • Infornate per 40/45 minuti (a secondo del forno) a 180° facendo attenzione che il sughetto non si asciughi troppo, in quel caso aggiungete dell’acqua calda.

 

Pomodori col riso_ la forchetta sull'atlante

_MG_1975

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta,

a presto, Daniela Ceravolo – La forchetta sull’atlante

LASCIA UN COMMENTO