Progetto SEDY: come lo sport è uno strumento per inclusione di giovani disabili?

Dal 15 al 20 settembre 2016 ENGSO Youth ha organizzato l’evento “Sport Unified: come lo sport è uno strumento per inclusione della diversità “. Il seminario è stato uno scambio di buone pratiche organizzato nell’ambito del progetto Sport Abilita Disables Youth (SEDY) co-finanziato dal programma Erasmus + a cui Engso Youth è partner incaricato della diffusione tra gli animatori giovanili e le organizzazioni giovanili, per educare (futuri) allenatori e PE mostra insegnante per adeguare lo sport ai giovani disabili.
Quasi 40 giovani lavoratori/allenatori/educatori provenienti da tutta Europa e in rappresentanza di diversi sport e giovani le organizzazioni hanno scambiato le loro visioni, idee e migliori pratiche su come aumentare la partecipazione sportiva di bambini e giovani con disabilità a Sassari, in Italia.
Per presentare i partecipanti all’argomento, Afke Kerkstra (ricercatore – Inholland) ha tenuto una presentazione “Progetto SEDY” che mostra ai partecipanti il ​​risultato della fase di inventario. I partecipanti hanno capito il sfide e buone pratiche relative alla partecipazione dei giovani con disabilità nel 7 Paesi del progetto: Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Lituania, Finlandia, Francia e Italia.
Grazie alla metodologia utilizzata, l’educazione non formale, i partecipanti hanno criticato criticamente la relazione tra lo sport e l’inclusione sociale e analizzato i pro e i contro dello sport per l’inclusione dei giovani con una disabilità. Inoltre, è stato discusso lo sviluppo degli ostacoli nello sport per i giovani con disabilità pensiero critico per rompere gli stereotipi.
L’obiettivo finale di questo seminario era capire la situazione attuale della partecipazione dei giovani persone con disabilità nello sport e nella società e scambiano le buone pratiche di ogni partecipante con il obiettivi per aiutarli a potenziare la loro capacità di creare un’offerta sportiva inclusiva e adeguata nel loro lavoro quotidiano.
L’aspetto innovativo dell’evento è stato che i partecipanti hanno testato e discusso i metodi durante il seminario insieme ai giovani con disabilità che hanno la possibilità concreta di comprendere il potere di le pratiche nella vita reale. L’impatto sul partecipante è stato molto impressionante: tutti erano così interessati
continuando i metodi appresi nel seminario che ha avviato una rete più grande per rimanere in contatto e attraverso che diversi gruppi hanno applicato a diversi fondi programma per mettere in pratica ciò che hanno imparato. Dopo uno anno di distanze sono stati applicati 4 diversi progetti, sono stati organizzati due eventi internazionali e tre nuovi programmi avviati in altri paesi per seguire il seminario.
Partecipante e delegato della gioventù ENGSO, Roberto Sojo dalla Spagna, sul seminario: “Ho trovato il seminario molto interessante e utile per il mio lavoro nella promozione dello sport. Ho imparato nuovi strumenti, esercizi e attività che io posso usare nel mio lavoro. Ora ho un’idea migliore di cosa hanno bisogno i giovani con disabilità e ho molte idee che posso applicare nella mia città.”

Tag

  • sedy
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Potrebbe interessarti:

Contatti

Seguici su:

articoli più letti

Testata registrata al Tribunale di Roma in data 5/04/2016 | Fatto con da TechSoup