Orto in casa: consigli e tecniche per iniziare

0
882
Orto in casa: consigli e tecniche per iniziare

Stare a contatto con la natura… In casa! Ecco qualche consiglio per creare il vostro orto indoor nel migliore dei modi.

Coltivare un orto in casa fa bene alla salute, non solo del corpo ma anche della mente. Ma quali sono i motivi che fanno di un orto indoor un ottimo sistema per stare bene? Innanzitutto è un hobby da casa 100% green ed eco-sostenibile, che consente di ritagliare tempo per se stessi per stare a contatto con la natura, beneficiando di tutti i vantaggi delle piante, dall’ossigeno fino ad arrivare alla sensazione di relax che solo Madre Natura sa regalare, toccasana per alleggerire lo stress e scaricarsi. Alla portata di tutti, l’orto in casa beneficia anche la dieta e il portafoglio: consente di mangiare cibi sani a km zero (letteralmente!), spendendo pochissimo.

Come coltivare un orto in casa?

Coltivare un orto in casa non è difficile ma richiede un piccolo investimento iniziale oltre che tanto amore e pazienza. Per veder crescere le piantine, bisogna innanzitutto replicare le condizioni esterne indispensabili per la crescita dei semi: il sole, l’umidità, il pH del terreno e ovviamente la temperatura ideale. La prima cosa da fare è acquistare terriccio prefertilizzato; a questo punto potrete cominciare a piantare i semini in bicchieri di plastica. Il terriccio prefertilizzato garantirà ai semi tutti i nutrimenti di cui hanno bisogno. La grow box invece creerà l’ambiente controllato ideale per la loro coltivazione. Fatto questo, è molto importante fare attenzione alla temperatura e alla luce della lampada, che deve essere fredda per non riscaldare le piante. Infine, non dimenticatevi i filtri per il ricambio dell’aria.

Orti indoor: le migliori tecniche di coltivazione

Esistono diversi modi per creare un orto domestico, senza aver bisogno di tanto spazio a disposizione: ad esempio realizzare un orto verticale con i pallet è un’ottima soluzione per chi vive in città. Altre tecniche di coltivazione? I sacchi di iuta, oppure i tavoli da orto, anche se entrambi sono consigliati soprattutto per chi ha un balcone o una terrazza. La coltivazione nei sacchi è davvero semplice, basta attrezzarsi con i sacchi giusti, resistenti ma in fibra naturale, e della buona terra. Una volta individuato il punto dove collocarli, basta sistemare il sacco in pozione verticale, arrotolare il bordo del sacco su se stesso per qualche centimetro e piantare i vostri ortaggi. Infine, vale anche la pena citare tecniche professionali più avanzate come le coltivazioni idroponiche e quelle pensate per spazi piccolissimi, come ad esempio la coltivazione dei germogli e i mini-giardini da arredamento.

Coltivazioni casalinghe: le piante più adatte

Per scegliere cosa coltivare, è bene sapere quali sono le piante adatte alla coltivazione indoor, in quanto dipende soprattutto dalle loro dimensioni e da quanto spazio necessitano per crescere liberamente. Ad esempio, piante come la lattuga e i pomodori sono perfette, sia perché di piccole dimensioni, sia perché molto facili da coltivare. Il pomodoro però necessita molta luce, quindi assicuratevi di collocarli in uno spazio soleggiato. Anche le erbe aromatiche, come il basilico, il rosmarino e il prezzemolo sono un’ottima scelta, così come il peperoncino. È possibile coltivare anche piccoli frutti, come ad esempio le fragole che per crescere bene hanno bisogno di essere esposte al sole e di un terreno ricco di sostanze organiche. Inoltre, se vengono piantate in vasi abbastanza grandi possono dare frutti per alcuni anni.

Pronti allora per mettervi al lavoro col vostro orto?

LASCIA UN COMMENTO