Il Trono di Spade 8: la distruzione sta arrivando

0
140
Il Trono di Spade 8: l’inverno è tornato fra gli Stark
Fonte: cinematographe.it

L’ultima andata in onda è stata la penultima puntata di sempre del Trono Di Spade. Andiamo a vedere cosa (non) è successo.

Rabbia che annebbia la mente

Torna una nuova puntata del Trono di Spade e ve la raccontiamo su Openmag. Siamo giunti all’altra grande battaglia, quella contro Cersei, ma come ci siamo arrivati? Colei che dovrebbe essere lucida in questo momento, ovvero Daenerys, non lo è per niente. La ragazza infatti è lasciata da sola con i suoi pensieri e il suo dolore, che nulla riesce a lenire. Tutto questo viene appesantito da altri elementi, quali il tradimento di Varys e soprattutto il fatto che Jon Snow, nonostante la ami, non riesce a riportare il loro rapporto a quello che era prima. Tutti questi fattori portano la regina ad aver deciso la sua strategia prima ancora di consultarsi con i suoi consiglieri. Prima di tutto, Varys viene bruciato vivo, proprio come Dany gli aveva promesso la stagione precedente. Ma questa è solo la punta dell’iceberg!

Anche durante l’assedio di Approdo del Re, Daenerys non si risparmia: scatena tutta la potenza di Drogon, facendo strage della Flotta di Ferro prima e della Compagnia Dorata poi. La parte più spettacolare è proprio quando la porta principale di Approdo del Re viene rasa al suolo dal fuoco e con essa l’esercito. Viene aperta così la breccia che permette ai nostri di entrare nella capitale. Jon Snow, che comanda l’esercito Targaryen assieme a Verme Grigio, spera che quell’assedio finisca prima di subito.

Le campane

Dobbiamo ricordare che nel frattempo, Tyrion ha architettato uno dei suoi piani. Ha infatti liberato il fratello Jaime, catturato dagli Immacolati, e gli ha suggerito di portare Cersei in salvo, fuggendo tramite i passaggi segreti della Fortezza Rossa e prendendo una barca che troveranno nella spiaggetta sottostante. Jaime dovrà però anche suonare le campane della città, quelle che annunciano la resa.

Le campane, che danno anche titolo all’episodio (The Bells), non verranno mai raggiunte da Jaime. Eppure, in qualche modo i cittadini che vedono piombare loro l’inferno addosso, riescono a farle suonare. Tutto cessa e rallenta per qualche secondo. Ed è questo il momento clou della puntata. Vediamo Dany in groppa a Drogon osservare la città attorno a lei e soprattutto la Fortezza Rossa, lì dove c’è il trono che tanto brama, con le campane che suonano in sottofondo. Qualcosa scatta nella sua mente, già provata da tutte le situazioni precedenti, e allora scatena nuovamente la forza del suo drago sulla città, nonostante la resa.

Fuoco e sangue per il Trono di Spade

Tutto crolla, tutto brucia e le truppe si comportano come qualsiasi esercito invasore: uccidono, compiono razzie e violentano. I più scioccati sono Tyrion e Jon Snow, che non comprendono il comportamento della regina. Lo spettatore viene invece catapultato nella brutalità dell’evento. Perché possiamo anche parteggiare per una o per l’altra parte, ma un assedio contro persone innocenti non è mai una bella cosa.

Muoiono nell’inferno di fuoco Cersei e Jaime, che si ritrovano dopo lungo tempo. Lui è riuscito a sfuggire a Euron Greyjoy, che per un attimo ha anche creduto di averlo ucciso, ma l’ha solo ferito. Lei non vuole morire, non intrappolata nei sotterranei di Approdo del Re, ma Jaime la tranquillizza dicendole “Nulla conta. Solo noi”  e così finisce la loro storia, con le mura che crollano loro addosso. Stessa cosa avviene per il Mastino e  la Montagna. I due hanno un conto in sospeso da quando sono ragazzini. Il primo è giunto alla capitale con Arya e l’ha salvata dalle sue stesse manie di vendetta, mentre l’altro era la guardia-zombie di Cersei. È uno scontro all’ultimo sangue in uno scenario apocalittico, che viene vinto dal Mastino, nonostante muoia anche lui.

Il tutto si chiude seguendo Arya che fugge tra i vicoli di Approdo del Re. Possiamo notare il terrore della gente, la confusione, il fatto che nessun posto sia sicuro col drago lì fuori. Non si sa bene come o quando, ma tutto finisce e la nostra Arya si ritrova in un oceano di cenere, corpi bruciati ed edifici distrutti. Rimane solo un cavallo, col quale la ragazza fugge via.

Cosa ci aspetta

Un episodio davvero scioccante, che lascia l’amaro in bocca e che aumenta l’ansia per quello che sarà il Gran Finale. Daenerys metterà le mani sul Trono? O Jon Snow deciderà di reclamarlo? Sansa continuerà con i suoi giochi di potere? Arya troverà un nuovo obiettivo? Tyrion vorrà ancora seguire la sua regina? Non ci resta che scoprirlo la prossima settimana, quando Game of Thrones finirà davvero.

Il Trono di Spade 8: l’inverno è tornato fra gli Stark
Fonte: cinematographe.it

LASCIA UN COMMENTO