Presentato il nuovo Ariano International Film Festival

0
397
Presentato il nuovo Ariano International Film Festival

Voglia di estate, al gusto di cinema? Dal 29 luglio torna l’Ariano International Film Festival, presentato negli scorsi giorni a Cannes.

Arrivato alla sua settima edizione, torna anche questa estate l’Ariano Film Festival. Appuntamento dal 29 luglio al 4 agosto dunque per la manifestazione, anche questa volta in provincia di Avellino, che si propone come un momento di riscoperta della settima arte, ma anche di incontro. Il territorio irpino è infatti particolarmente ricco di tradizioni, anche culinarie. E un assaggio ne è toccato intanto ai presenti alla conferenza stampa, tenutasi il 18 maggio durante il 72esimo Festival di Cannes.

L’appuntamento all’Ariano Film Festival è stato lanciato quest’anno dalla sala del Pavilion dell’Hotel Le Majestic. Da Daniele Langella (direttore creativo AIFF) ad Angelo Bassi (produttore e distributore di Mediterranea Production), passando per Prashant Shah (produttore di Bollywood Hollywood Production). Tanti i nomi presenti all’evento, anche quello dell’attrice Emily Shah, protagonista del film “Jungle Cry” in anteprima durante il festival.

Presentato il nuovo Ariano International Film Festival

Per la sesta volta il lancio della prossima edizione dell’Ariano Film Festival per la sesta volta, e riconosce così alla manifestazione un ruolo di primo piano nell’ambito cinematografico. Dal 2013 infatti Ariano è diventata meta di cinefili appassionati, attori e professionisti del settore. Tanto da far ottenere al Festival negli anni patrocini istituzionali e universitari.

Riconoscimenti che sottolineano il ruolo importante che il festival ha nella valorizzazione e la promozione dell’arte cinematografica in Italia e all’estero, ma anche con occasioni d’incontro e di mutuo sostegno tra i vari operatori del settore cinematografico.

Giovane, selettivo e attento all’ambiente

Tre le caratteristiche principali dell’Ariano International Film Festival, diventate in questi anni punti fermi e di forza: l’essere Giovane, scrupolosamente Selettivo e Attento all’Ambiente.

Giovane perché è fatto da giovani e giovanissimi (età compresa dai 13 anni in su), provenienti da istituti scolastici locali e non (tra cui l’istituto R. Rossellini di Roma) e Università (Sapienza e Lumsa).

Selettivo, in quanto le opere vengono filtrate inizialmente da una giuria preselettiva finché le finaliste passano alla giuria tecnica che decreterà i vincitori per ogni singola sezione.

Attento all’Ambiente. Tanto da prevedere, accanto al concorso Aiff World, anche Aiff Green (entrambi internazionali). Il primo si divide in 5 sezioni a tematica libera (lunghi, corti, animazioni, documentari e corti scuola), mentre il secondo prevede una singola sezione a tematica ambientale (con focus sui documentari). Quest’ultima è stata istituita dalla quinta edizione e ha l’obiettivo di sensibilizzare tutti, giovani e meno giovani sul tema, tramite la promozione del cinema alla cultura ambientale. Da qui il partenariato e il patrocinio del Fai, del WWF Young e del WEEC.

Tre caratteristiche che ben si sposano con i valori e l’identità di Openmag, che sceglie anche quest’anno di dare così spazio alla manifestazione, e alle sue novità, all’interno della rubrica dedicata al cinema.

In attesa quindi che l’atmosfera dell’Ariano Film Festival ci contagi, ecco allora qualche ulteriore dettaglio.

Presentato il nuovo Ariano International Film Festival

Ariano International Film Festival 2019

Non solo cinema: l’Ariano Film Festival del 2019 si prospetta infatti come una grande festa dedicata all’arte. Fotografia, cosplay e momenti di incontro con le tradizioni si alterneranno infatti nel corso della settimana.

Per quanto riguarda le proiezioni, si partirà da 1000 opere in concorso, provenienti da 65 Nazioni. Di queste, solo 80 rientreranno però nella selezione ufficiale finale (70 per l’Aiff world e 10 per l’Aiff green). Dopo il lavoro iniziale della Giuria Preselettiva, composta da oltre 100 giurati, le 80 opere selezionate saranno infatti valutate dalla Giuria Tecnica.

Quest’ultima sarà composta da: Alfio Bastaincich (produttore di “ShowLab”), Pietro Innocenzi (produttore del “Globe Film”), Sergio Giussani (produttore della ”Ocean Production”), Emanuela Rei (attrice). E ancora Angelo Bassi (produttore distributore della Mediterranea production) e Prashant Shah (produttore della Bollywood Hollywood Production).

Cinema… E arte.

Non solo cinema, dicevamo. Il festival infatti ospiterà anche quest’anno un concorso fotografia (sempre internazionale e a tematica libera) e un concorso Cosplay (l’arte di indossare un costume che rappresenta un personaggio riconoscibile del mondo dei fumetti e dell’animazione, delle serie tv ecc).

E non è finita qui. Non mancheranno dibattiti, conferenze e workshop con registi, attori e professionisti del settore. Obiettivo: approfondire varie tematiche dell’arte cinematografica (dalla regia alla storia del cinema, dal doppiaggio alla recitazione).

A questi si aggiungono laboratori a tema ambientale realizzati dal FAI, dal WWF YOUNG e dal WEEC, ma anche presentazioni di libri e seminari con diverse Università. Molte inoltre le presenze internazionali e le giornate dedicate ad Austria ed Estonia, con proiezione di opere audiovisive provenienti da questi paesi.

Dalla settima all’ “ottava” arte, quindi? Di certo un momento per scoprire luoghi, culture e tradizioni anche oltre lo schermo.

LASCIA UN COMMENTO