“Gemme dell’impressionismo” a Roma: da Monet a Van Gogh tanti capolavori in mostra all’Ara Pacis

0
2192

Da Washington a Roma: questo il lungo viaggio compiuto da alcune tra le opere più belle dell’Impressionismo che da oggi fino al 23 febbraio del prossimo anno sarà possibile ammirare al Museo dell’Ara Pacis nell’ambito della mostra “Gemme dell’Impressionismo. Dipinti della National Gallery of Art di Washington”, promossa da Roma Capitale e organizzata da Zètema Progetto Cultura. 68 opere selezionate da Mary Morton, Responsabile del Dipartimento Pittura Francese della National Gallery di Washington, che racchiudono i capolavori di Claude Monet, Edouard Manet, Paul Cézanne, Edgar Degas, Vincent Van Gogh, Auguste Renoir, Henri Tolouse-Lautrec,  e tanti altri pittori che hanno reso l’Impressionismo uno dei periodi artistici più ispirati di tutti i tempi. Le opere selezionate fanno parte della collezione della famiglia di mecenati americani Mellon, il cui magnate Andrew W. Mellon fondò la National Gallery of Art di Washington. “Questa mostra è frutto di uno scambio culturale e di capolavori tra Roka e Washington” ha dichiarato Federica Pirani, responsabile del coordinamento tecnico-scientifico della mostra per conto della Sovrintendenza Capitolina “Presto manderemo nella città statunitense il Galata Morente e la Venere Capitolina, in cambio della collezione presente in questa mostra. Abbiamo scelto l’Ara Pacis come scenario per il suo spazio familiare, per far sentire il pubblico a casa mentre ammira questi capolavori”. Un percorso ben curato con dipinti fondamentali come “Alle corse” di Manet, “Argenteuil” di Monet, “Raccogliendo i fiori” di Renoir, “Letti di fiori in Olanda” di Van Gogh, “La battaglia dell’amore” e le “Nature morte” di Cèzanne, “Ballerine dietro le quinte” di Degas, “Carmen Gaudin” di Tolouse-Lautrec, ma anche alcuni quadri di artisti meno conosciuti come Boudin, considerato uno dei pionieri dell’Impressionismo. Insomma una mostra da non perdere per tutti gli appassionati che arricchisce ulteriormente lo spessore artistico della città di Roma.

LASCIA UN COMMENTO