La vittoria di Tsipras

0
976
tsipras grecia

Un trionfo annunciato quello del partito di sinistra Syriza alle elezioni anticipate in Grecia, Tsipras sfiora la maggioranza assoluta e si allea con la destra

Il giorno dopo le elezioni in Grecia si iniziano a fare i conti e a vedere se Alexis Tsipras come metterà in pratica il suo programma anti austerity: Il partito di sinistra radicale Syriza ha conquistato 149 seggi su 300 con il 36,34%.A quasi 9 punti di distanza i conservatori di Nea Dimokratia (Nd) del premier uscente Antonis Samaras con il 27,81% e 76 seggi (129 due anni fa). Terzo partito si conferma, come a giungo del 2012, l’estrema destra di Alba Dorata, che con il 6,28% conquista 17 seggi (uno in meno delle precedenti elezioni). A breve distanza i centristi di To Potima, questi ultimi con il 6,05%, con 17 seggi. A seguire i comunisti del Kke, che hanno ottenuto il 5,47% e 15 seggi (3 in piu’ rispetto a due anni fa); Greci Indipendenti (formazione scissionista di Nea Dimokratia) ha preso il 4,75% e 13 seggi (7 in meno), cosi’ come i socialisti del Pasok di Evangelos Venizelos con il 4,68%. Nel 2012 ne ottenne 33. L’affluenza e’ stata del 63,87, piu’ alta del voto precedente quando ando’ a votare il 62,47%. Tsipras ha gia’ accordo con destra anti-austerita’ Benche’ agli antipodi politicamente, il fronte comune anti-austerita’ ha unito la sinistra radicale di Syriza e la destra dei Greci Indipendenti, che ne hanno conquistati 13. Questi ultimi, nati nel 2012 da una scissione dei conservatori di Nea DImokratia, sono guidati da Panos Kammenos che ha incontrato Tsipras per formalizzare l’intesa. Il 40enne Tsipras secondo la legge greca ricevera’ gia’ oggi l’incarico di formare il nuovo governo che gia’ da mercoledi’ mattina potrebbe essere al lavoro. Oltre all’incontro con i Greci Indipendenti (Anel), Tsipras sentira’ i comunisti del Kke (5,47% e 15 seggi), che pero’ gia’ ieri sono stati estremamente critici, e i centristi di To Potami (6,05% e 17 seggi) che invece si sono gia’ offerti per un appoggio esterno ma senza entrare al governo. 

(fonte agi)

LASCIA UN COMMENTO