Promossi e bocciati del calciomercato italiano

1
1234
calciomercato pagelle

Verrà ricordata come la sessione di calciomercato dei ritorni e dei pochi soldi, ma quest’ultima non è una novità da qualche anno in Italia

Questa sessione di calciomercato va dedicata obbligatoriamente a Nicola Pozzi, ex centravanti del Parma che passa in prestito al Chievo e a fine stagione potrà essere riscattato dalla società clivense per € 1.000, ovvero al prezzo di uno scooter usato.

Indovinello: è più deprimente di Forte Forte Forte della Carrà e più noiosa della Corazzata Potemkim di fantozziana memoria. Cos’è?..risposta: vedere giocare l’Inter. Troppo facile vero? Esatto. Mancini è un ottimo chef, apre il frigo e lo trova quasi vuoto e con ingredienti di mediocre qualità. I tifosi sono dalla sua parte ma i numeri no. La mini rivoluzione di gennaio con gli arrivi di Shaqiri, Podolski, Brozovic, Santon basterà per salvarsi dal disastro attuale? E intanto il disperso Mazzarri, che era accusato persino di aver causato la fame nel mondo, gongola.

santon

Il Milan naviga a vista, perde spesso e volentieri e giunti al giro di boa del campionato del progetto Inzaghi neanche l’ombra. E nonostante il mister in ogni dichiarazione pubblica non dimentica di ringraziare il Presidente ( poi per cosa?) il suo futuro è alquanto enigmatico. I nuovi Cerci, Destro, Bocchetti, Antonelli, Paletta e Suso rappresentano uno stravolgimento che rinnega e delegittima l’ultimo mercato estivo del “condor” Galliani. Obiettivo concreto e possibile la zona Europa League. Niente di più, nessuna illusione.

La squadra più monotona è la Juventus. La costante e continua compagine bianconera è sempre prima, non sembra avere rivali plausibili e credibili e ciò è dimostrato anche dalla silenziosa e austera campagna acquista. Una squadra costruita bene non ha bisogno di aggiustamenti e interventi in corso d’opera. Gli arrivi di Sturaro e i ritorni di De Ceglie e Matri non faranno accapponare la pelle ai tifosi ma saranno utili e preziosi gregari. Per il campionato no problem.

A Roma, sponda giallorossa, nonostante la sicurezza di Garcia di vincere lo scudetto, i facili sentimenti di entusiasmo ultimamente stanno lasciando posto a mugugni e delusioni. La squadra per diversi fattori non sembra ancora pronta e matura per il grande salto. Destro lascia Trigoria e viene sostituito dai dotati (anche calcisticamente parlando) Doumbia e Ibarbo. In difesa l’arrivo di Spolli non passerà alla storia. Ad oggi più che guardare la testa della classifica farebbe meglio a riordinare le idee e ritornare ad essere la squadra “affamata” del primo scorcio di stagione. Meno selfie e più corsa.

doumbia

Il Napoli è la squadra dei se e dei ma. Ah se avesse un grande difensore e un forte centrocampista, ma non li ha. Pertanto si prenderà il terzo posto e il grande salto per l’ennesima volta sarà rimandato a data da destinarsi. Gabbiadini è ottimo, ma puntella un reparto già altamente competitivo. Strinic è un buon terzino sinistro. A.De Laurentis sta parlando di meno e questo è un bene. Il futuro prossimo di Benitez molto probabilmente sarà lontano dal Vesuvio.

Lotito ha consegnato le chiavi della sua Lazio a Tare che con risorse limitate ha costruito una buona squadra. Pioli tatticamente è molto preparato e lo sta dimostrando. Uno sforzo in questo mercato sarebbe servito per rimpiazzare l’infortunato Djordjevic. Saltato in extremis l’arrivo di Bergessio. Interessante l’arrivo di Mauricio. Ma troppo poco. Tifosi preparate lo striscione: “Lotito svegliati!”. Non crediamo ad un posto Champions, ma uno tra il quarto ed il sesto.

Cuadrado era uno degli pochi grandi giocatori di questa serie A e il verbo è al passato proprio perche è oramai un nuovo acquisto del Chelsea. La Fiorentina monetizza abbastanza dalla cessione ma non reinveste adeguatamente. L’egiziano Salah è un ottimo talento ma da verificare nel nostro calcio. Diamanti e Gilardino tornano dalla Cina (con furore?) e si rimettono in gioco. Rosa rinforzata nei rincalzi ma qualitativamente la perdita del funambolo colombiano potrebbe costare parecchio. Il quarto posto sarebbe già un gran risultato.

salah chelsea

LASCIA UN COMMENTO

1 COMMENT

Comments are closed.