Oltre le spiagge: le bellezze dell’entroterra

0
981
viaggi entroterra

Quando sentiamo parlare del Messico, della Grecia o senza andare troppo lontani, della Sardegna, la maggior parte di noi pensa come prima cosa al mare, a splendide spiagge incontaminate e ad acque cristalline. Eppure questi sono luoghi il cui fascino non risiede solo nelle coste, ma forse soprattutto nell’entroterra

Si potrebbero fare infiniti esempi di mete conosciute per le loro località balneari ma che in realtà hanno molto altro da offrire.

Quali sono i buoni motivi per addentrarsi alla scoperta delle zone interne e abbandonare per qualche giorno la tintarella? Eccone alcuni.

LE PERSONE

I Paesi che hanno la fortuna di essere bagnati dal mare sono senz’altro avvantaggiati dal punto di vista turistico: il mare è il loro valore aggiunto e fanno di esso il proprio biglietto da visita. Chi vive lungo la costa è abituato ad accogliere i visitatori, ben consapevole del fatto che il turista rappresenta una buona fonte economica.

Ciò non significa necessariamente che dietro ogni incontro vi siano persone interessate a una qualche forma di guadagno, ma sicuramente ci saranno più occasioni in cui i contatti con le persone non saranno fini a sé stessi per un semplice scambio di servizio/moneta.

La gente dell’entroterra è spesso meno aperta, ma se riuscite a conquistarvi la loro simpatia i rapporti saranno più autentici. Un sorriso, una chiacchierata, una gentilezza, avranno un valore diverso e ve li ricorderete come i momenti più appaganti del vostro viaggio.

 

LE USANZE

Le tradizioni spesso si perdono nel tempo, ma in questo caso anche nello spazio. Dove il turista è di casa, le culture si contaminano facilmente e le usanze tendono a essere meno veraci. Si assorbono le influenze dall’esterno e si perdono in parte i tratti distintivi delle proprie radici.

Nelle coste ciò che si tende a valorizzare è la bellezza dei luoghi, ma è nell’entroterra che potrete assaporare la loro essenza. E’ là che gli usi e i costumi resistono e vengono gelosamente tramandati e custoditi.

I COSTI

Questo è un dato di fatto: più ci si avvicina al mare o alle località balneari, più salgono i prezzi.  Coloro che hanno fatto del turismo il proprio business, sono ben coscienti della bellezza dei luoghi che abitano. Quindi vi faranno pagare. A prescindere dal tenore di vita del Paese in cui vi troverete, i costi per mangiare e dormire saranno inevitabilmente più alti rispetto alla media. Ciò potrà non incidere nel portafoglio di tutti, ma di qualcuno sicuramente sì.

LA CUCINA

Se non amate provare nuovi sapori, questo aspetto potrà non interessarvi o addirittura convincervi a rimanere in costa. Ma se per voi è importante assaporare i luoghi, inteso in senso letterale, allora considerate che addentrandovi anche i cibi saranno più fedeli alla tradizione. entroterra

In costa troverete certamente ristoranti che vi propongono pietanze tipiche, ma probabilmente saranno le ricette più classiche e conosciute.  Vi perderete però i piatti poveri che normalmente ai turisti non vengono proposti.

I PAESAGGI

Come può non incantare la vista del mare? Perdersi guardando un orizzonte che sembra non aver fine.

Ma avete idea di quanti paesaggi altrettanto affascinanti può offrirvi l’entroterra? Attraversare campagne, foreste, paesaggi montani …

Ci sono luoghi imperdibili anche a pochi Km dalla costa e vale la pena vederli, viverli, fotografarli nella memoria.

Quindi non ponetevi limiti, e quando decidete il luogo in cui trascorrere la vostra vacanza valutate di dedicare qualche giorno del vostro viaggio all’esplorazione della terra che vi ospita. Tornerete a casa non solo abbronzati ma anche arricchiti.

Articolo e foto di Viola Schirru

 

 

LASCIA UN COMMENTO