Warsteiner e lo speed date dell’arte

0
1094
Warsteiner speed date arte

Arriva a Milano lo “speed date dell’arte”, una tre giorni ricca di creatività organizzata da Warsteiner per sostenere giovani talenti ed artisti emergenti.

Si sa che Milano è la città dell’arte e del design, dove si incontrano culture e stili differenti,  uomini e donne provenienti da tutto il mondo, dove si sviluppano le nuove tendenze nel campo della moda, del marketing, dei social media e della pubblicità per il pullulare di start up e agenzie creative. Insomma Milano può essere definita esempio di creatività e uno dei palcoscenici artistici più attivi del momento. Molte novità si sono affacciate negli anni sulla scena milanese, ma uno “speed date” per gli amanti dell’arte no, non si era ancora visto.

Questo l’evento, infatti, promosso dal noto marchio tedesco di birra Warsteiner, tra i leader a livello internazionale, che si propone di promuovere numerose iniziative che coinvolgeranno tutti coloro che si troveranno a Milano dal 17 al 20 di marzo. L’arte diventa la scusa per creare una grande festa collettiva accessibile a tutti in occasione dell’ Affordable Art Fair, la fiera d’arte contemporanea che conta ogni anno circa 13.000 visitatori e in cui ci verranno messe in vendita opere con un prezzo massimo di 6.000 euro, con l’intento di sostenere giovani talenti.

L’amministratore Delegato della Warsteiner Italia Luca Giardiello racconta quante siano le iniziative pensate per supportare i nuovi talenti nascenti nel mondo dell’arte. Per far si che questo avvenga e che si possa, quindi, dar voce al talento di numerosi creativi si è creato il premio Blooom Award, attraverso il quale tanti saranno gli artisti in grado di esprimere liberamente la loro creatività facendosi conoscere da galleristi italiani e internazionali vivendo un’esperienza da protagonisti.

Tra le iniziative troviamo il “Young Talents supported by Warsteiner”, ossia un concorso che vuole promuovere 5 Young Talents selezionati tra 600 candidature. Grazie a Warsteiner, quattro artisti emergenti e uno street artist esporranno le proprie opere in fiera. ma gli “scartati” potranno essere selezionati per esibirsi live, ogni sera.

In occasione dell’inaugurazione della fiera, mercoledì 16 marzo, all’esterno dei locali di Superstudio, verrà steso un telo di circa 20 metri quadrati dove chiunque potrà lasciare il proprio messaggio, o semplicemente il proprio pensiero, partecipando attivamente quindi all’opera collettiva e alla performance pubblica “Pagina Bianca” del poeta di strada Ivan Tresoldi, lasciandosi ispirare dallo spirito Warsteiner #doitright.

Chi invece ha un animo più “street” potrà partecipare al Warsteiner Art Battle sfidando gli altri partecipanti a realizzare un’opera live direttamente in fiera. L’opera vincitrice entrerà a far parte della “collezione Warsteiner” e inizierà un tour nei migliori locali Warsteiner d’Italia.

Venerdì 18 marzo durante l’Art Night Out l’arte uscirà dagli spazi tradizionali per fondersi con il tessuto urbano milanese: sarà in quell’occasione che Warsteiner offrirà a tutti i cittadini una mappatura di quei luoghi dove l’arte si crea, per incontrare chi l’arte la fa. Il punto di partenza del percorso è l’officina dell’arte di Artkademy, dove sarà possibile chiacchierare con gli artisti, tra cui il poeta street Ivan Tresoldi, per poi passare agli studi dell’artista Laila Pozzo, nei quali si potranno ammirare i ritratti degli attori un attimo prima che vadano in scena, oppure conoscere Silvia Idili nel cortile dell’ex-conceria di Via Malaga per una serata dedicata interamente alla pittura.

La conclusione si avrà con un Closing Party Warsteiner all’Exotic di Viale Bligny in cui verranno ospitati artisti, galleristi e visitatori della Fiera. E chiunque vorrà unirsi.

Questo evento porterà l’attenzione su artisti emergenti, facendo capire anche a chi non è del settore, come la passione e l’amore nei confronti dell’arte crei il bello che ci circonda. Come sia affascinante parlare con chi esprime la creatività in un’opera e mette tutto se stesso nel creare qualcosa di nuovo.

Come diceva Friedrich Nietzsche “L’arte: la grande creatrice della possibilità di vivere, la grande seduttrice della vita, il grande stimolante per vivere”.

Io farò un salto. E voi, siete pronti a bere un drink di arte?

LASCIA UN COMMENTO