L’importanza di una quotidianità sostenibile

0
261
qualcuno con una bottiglia di plastica accartocciata in mano, riciclare per uno stile di vita più sostenibile

Quanto è importante al giorno d’oggi cercare di avere uno stile di vita sostenibile?

Oggigiorno, nella difficile situazione ambientale in cui ci troviamo, è molto importante far in modo di vivere in una maniera più sostenibile: ovvero che ci permetta di godere di un benessere costante ma che, al contempo, rispetti l’ambiente che ci circonda.

Ma in che modo si può condurre uno stile di vita sostenibile? È davvero così difficoltoso come si pensa? E soprattutto cosa significa?

Cosa significa sostenibile? E a cosa si collega?

Innanzitutto il termine “Sostenibilità” indica una condizione di sviluppo che sia in grado di soddisfare i bisogni della generazione presente, ma che allo stesso tempo non leda la possibilità delle generazioni future di fare lo stesso.

Questo termine molto spesso si ricollega agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, una serie di 17 obiettivi nel quale si elencano delle problematiche sulle quali, secondo tutti gli stati membri delle Nazioni Unite, si deve ancora lavorare a fondo per trovare delle soluzioni.

Gli obiettivi si occupano di numerosi argomenti, che vanno dalle questioni riguardanti la guerra, al raggiungimento dell’uguaglianza di genere e dalla povertà alla necessità di curare di più del nostro pianeta.

obiettivi di sviluppo sostenibile

Questi obiettivi vogliono far nascere degli spunti di riflessione e delle domande in ognuno di noi e portarci ad agire, come ad esempio “In che modo sto intaccando il futuro? Sto veramente creando danni irreparabili? Cosa posso fare per cambiare le cose nel mio piccolo?”

In effetti, potrebbe non risultare semplice rendersi conto del fatto che una “bottiglia di plastica” impiega secoli per decomporsi, però è comunque necessario attivarsi per evitare di arrecare ulteriori danni prima che questi diventino irreparabili.

Piccole azioni per generare grandi cambiamenti

Riflettere sull’impatto delle nostre scelte prima di compiere determinati tipi di azioni, prima di toglierci uno sfizio o un semplice capriccio, potrebbe già essere un contributo per il raggiungimento di una situazione di benessere e in contemporanea aiuterebbe a garantire che negli anni a venire situazioni che causiamo non vadano a riversarsi sugli altri.

Inoltre, nella nostra quotidianità possiamo far in modo di compiere piccole azioni che potrebbero avere un grande impatto ambientale e sul nostro modo di vivere.

In particolare non si tratta di privarsi delle cose ma di adottare un approccio più attento, di cambiare il modo. Degli esempi potrebbero essere: preferire le bottiglie di vetro a quelle di plastica, così da favorirne il riutilizzo, fare la raccolta differenziata, evitare di gettare rifiuti a terra, evitare la plastica usa e getta e cercare di comprare capi di abbigliamento provenienti dalla moda sostenibile.

Ovviamente l’azione di un singolo non risolverebbe in maniera definitiva la situazione in cui ci troviamo. Ma, se ognuno di noi nel proprio piccolo cercasse di contribuire in qualche modo, adottasse scelte sostenibili anche per gli acquisti di tutti i giorni, piano piano anche chi produce (le grandi aziende) si troverà obbligato a cambiare e seguire il nuovo trend.  E questo rappresenterebbe un grande aiuto e creando un impatto maggiore verso la sostenibilità.

Come il Covid-19 ha influito su questa situazione?

A complicare le cose, anche il periodo che stiamo affrontando non ci facilita affatto, infatti per via del Covid-19 è aumentata la produzione di rifiuti come guanti in silicone e mascherine usa e getta. Prodotti che di base non sono né riciclabili, né hanno un contenitore apposito in cui essere gettate e che quindi al momento rientrano nell’ “indifferenziato”.

Sebbene questo problema andrà risolto dalle amministrazioni, ci sono azioni che di fatto riguardano ognuno di noi. Infatti, sicuramente non è normale trovare mascherine in terra sul marciapiede o nel parco mentre si passeggia, o trovare guanti a terra, nei mari e negli oceani. Per evitare questo basterebbe semplicemente che ognuno conservi in tasca/borsa questi dispositivi sanitari e aspettare di trovare un cestino per la spazzatura per gettarli.

maescherine e guanti gettati nel mare mascherine sanitarie usate abbandonate in strada

Insomma, la situazione in cui ci troviamo risulta difficile per tutti ma non giustifica un comportamento nocivo e scorretto, anzi, ci dovrebbe spingere a riflettere di più su quanto è importante vivere nel rispetto dell’ambiente, degli altri e di noi stessi.

Essere sostenibile significa semplicemente essere più attenti a chi ci è intorno, e quando l’ambiente sta bene, stiamo bene anche noi e la nostra salute, quindi basta scuse e iniziamo il cambiamento a partire dalle nostre vie!

LASCIA UN COMMENTO