Alla scoperta di alcune specie eliofile per il nostro giardino

Alla scoperta di alcune specie eliofile per il nostro giardino

Lasciando splendere l’energia di giugno in giardino, vediamo le specie eliofile e quanto il sole possa esser un beneficio per le nostre piante.

Frizzante e vivace, l’estate, in particolar modo la prima parte, è la stagione più attesa ed amata dei giardinieri: i lavori in giardino e nell’orto conclusi nella appena trascorsa primavera iniziano a mostrare i loro frutti.

Specie in natura

A giugno, quando le temperature si alzano, e le giornate si allungano, tutto prende vita, a cominciare dalle sgargianti fioriture che si susseguono nei nostri spazi verdi. Proprio ora che le condizioni di crescita sono favorevoli, è tempo di popolare il terreno con le specie più adatte. Le specie eliofile, amanti del sole, sono la maggioranza delle fioriture estive: se avremo cura di seguire pochi accorgimenti, come la giusta posizione da fornire loro, affinché ricevano tutta la dose giornaliera di irradiazione solare di cui necessitano, otterremo il migliore dei risultati.

bordura estiva
bordura estiva

Alcune specie amanti del sole, irrinunciabili nel nostro giardino o balcone

Dalie: splendide ed affidabili, ripagano con abbondanti fioriture, richiedendo pochissime attenzioni. Fiore nazionale del Messico, sono con noi in Europa da ormai cinquecento anni, e gli ibridatori del vecchio continente lavorano da decenni alle più particolari ibridazioni e ricerca di varietà compatte, più adatte ai piccoli spazi. Molto belle anche le forme a fiore di cactus ed a pon-pon, disponibili in tutte le tonalità ad eccezione del blu ed azzurro. Assicurano ottimi risultati in vasi capienti, irrigando abbondantemente la mattina presto o la sera tardi.

Dalia
Dalia

Cosmos: somigliano a delle margherite dai colori sgargianti, e trasmettono a prima vista tutto il calore della loro terra d’origine, il Centro America, da dove sono arrivate fino a noi da fine Ottocento. Siamo ancora in tempo a seminarle, vista la facilità di coltivazione, per godere delle sue corolle per un lungo periodo. Importanti lavorazioni di ibridazione hanno portato in commercio cultivar dalla fioritura più lunga, che si anticipa ormai dalla fine all’inizio dell’estate, raggiungono altezze limitate, rendendole idonee ai piccoli spazi.
Una regolare rimozione dei fiori appassiti prolungherà le fioriture fino ad autunno inoltrato.
Amante del sole, assicuriamo comunque un buon drenaggio, specie se coltivato in vaso, per evitare ristagni idrici.

Cosmos Bipinnatus
Cosmos Bipinnatus

Girasole: sempre di origine americana, giunta da noi con i suoi semi fin dal secondo viaggio di Colombo, merita la posizione più calda e meglio esposta del terrazzo o del giardino.
Perché Helianthus annus (e lo rivela il suo stesso nome), questo il suo nome scientifico, si configura come il vero signore della luce estiva; si tratta infatti di un’erbacea annuale “eliotropica”, capace di orientare cioè la sua infiorescenza composta da tanti minuscoli fiori, in direzione dei raggi solari. Ottimo come fiore reciso ed anche nei pressi dell’orto domestico per attirare gli impollinatori utili.

Alla scoperta di alcune specie eliofile per il nostro giardino

Regole di coltivazione essenziali delle specie annuali eliofile

Per una buona riuscita è buona norma rispettare poche, semplici ed intuitive regole:
Offrire un sostegno alle specie più esili: in tal modo si evita che i gambi dei fiori diventino troppo pesanti o possano spezzarsi dal vento; ottime delle canne con spago, che saranno nascosti dalle crescite estive.

Alla scoperta di alcune specie eliofile per il nostro giardino

Eliminare di frequente i fiori appassiti appena avvizziscono per far restare le bordure ordinate il più a lungo possibile. Essi possono essere gettati nel compost.
Attenzione ai danni causati dalle lumache: un utile metodo senza ricorrere alla chimica, consiste nel posizionare delle trappole con birra vicino alle specie eliofile più vulnerabili.
Scontato, ma meglio ripeterlo, fornire la giusta quantità d’acqua per impedire avvizzimenti o collassi da calore.

In quest’ultimo periodo di lockdown, il momento di pandemia che si accinge per fortuna al termine, ha sottolineato il fatto dell’importanza per le persone di avere uno spazio esterno.
I giardini hanno rappresentato una ottima parentesi di luce in un periodo nebuloso: ben venga ora il godersi della luce solare calda estiva nei nostri spazi aperti!

Tag

  • fioritura
  • fioriture estive
  • giardino
  • piante
  • piante da balcone
  • sole
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Potrebbe interessarti:

Contatti

Seguici su:

articoli più letti

Testata registrata al Tribunale di Roma in data 5/04/2016 | Fatto con da TechSoup