Lorena Cesarini: a Sanremo 2022 emozioni oltre musica e gag

Lorena Cesarini: a Sanremo 2022 emozioni oltre musica e gag

Lorena Cesarini a Sanremo 2022: emozioni e riflessioni nella seconda serata del Festival, dalla “favola” alla realtà.

“Manca quella (la valletta) scema”, come dice Checco Zalone, quest’anno al Festival.
E Lorena Cesarini, partner di Amadeus in questa seconda serata di Sanremo 2022, lo conferma qualche minuto prima con la sua presentazione.

Niente valletta, zero retorica (che, si sa, scaderci toccando alcuni argomenti è facile). Ma qualche sassolino dalla scarpa da levarsi, qualche consapevolezza da far nascere, tra una canzone e una gag. Perché chi l’ha detto che i riflettori di Sanremo si possano sfruttare solo per sfoggiare outfit abbaglianti e battute sulla pandemia?

Lorena Cesarini si prende lo spazio per presentarsi, e parte dalle “basi”, con un monologo che emoziona e diventa virale sui social in pochissimo tempo.

Donna. Nera. E, come se già questo non bastasse, anche poco conosciuta. Come ci è arrivata “una così” sul palco dell’Ariston?
Lorena ha cercato di togliere queste e tante altre virgolette, quelle che a volte neanche ci accorgiamo di aver disegnato intorno a una persona della quale, magari, sappiamo poco e niente.

E Amadeus, al terzo anno consecutivo alla direzione artistica del Festival, la affianca in questo momento, anzi fa un passo indietro per provare a farlo fare in avanti all’Italia su alcuni temi caldi (ma ancora non troppo).

Sanremo che fa divertire e Sanremo che fa riflettere.

Sul razzismo, sulla discriminazione, sulle differenze di genere. Dalla favola (ironicamente raccontata in chiave Lgbt da Zalone) alla realtà che ci sbatte in pieno viso Lorena Cesarini.

Da sola su un palco importante, la voce emozionata, lo sguardo di più. Ve le ricordate le lacrime di Damiano dei Maneskin della prima serata? E i commenti?

Stasera noi ci siamo chiesti anche questo: quali saranno domani e nei prossimi giorni le osservazioni sulla voce spezzata di una ragazza, giovane, alla sua prima esperienza sotto i riflettori del Festival di Sanremo, che racconta gli attacchi ricevuti alla sua persona? No, zero retorica nella risposta. Come quella che questo Festival ha cercato di far sparire proponendo in modo pacato e sincero alcune riflessioni necessarie. Perché razzismo e doppia discriminazione influenzano le nostre vite molto più di cinque serate all’anno.

Tag

  • discriminazione
  • doppia discriminazione
  • festival
  • festival di sanremo
  • parità di genere
  • razzismo
  • sanremo
  • sanremo 2022
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Potrebbe interessarti:

Contatti

Seguici su:

articoli più letti

Testata registrata al Tribunale di Roma in data 5/04/2016 | Fatto con da TechSoup