Ben Hopper: La grande bruttezza dei peli

0
3770

Bellissime ragazze con ascelle non depilate: è il progetto fotografico del londinese Ben Hopper, dal titolo Natural Beauty.

Il fotografo londinese Ben Hopper ha realizzato una serie fotografica dal titolo Natural Beauty in cui una dozzina di  sottili ragazze mostrano orgogliose lo loro ascelle non depilate; lo scopo del progetto è quello di cambiare ciò che lui definisce il “lavaggio del cervello” da parte dell’industria di bellezza, e dimostrare al mondo che la bellezza femminile può essere diversa da quella convenzionale. Raramente, se non mai, si vede una donna che non abbia eliminato gran parte dei suoi peli sul corpo; questo perché la peluria femminile su ascelle e corpo è stata stigmatizzata. “Quando sono cresciuto come uomo e come artista, mi sono reso conto che mi piacevano ( i peli sotto le ascelle). Penso che possa essere un bellissimo look”, afferma lo stesso Ben Hopper. Una volta trovate le ragazze disposte a realizzare il progetto, Hopper racconta all’ Huffington Post che neanche loro stesse erano immuni dall’ansia di mostrare i peli sul proprio  corpo, tanto che una di loro durante le riprese era così disgustata dalla sua peluria che ha deciso di interrompere lo shooting.

Depilazione14E’ da chiedersi se davvero lasciar crescere la peluria sul corpo femminile è un modo per ribellarsi ai canoni estetici imposti dai modelli occidentali , oppure sta diventando una moda essa stessa. Non è un caso che qualche giorno fa Madonna su Twitter ha postato un selfie con i peli sotto le ascelle e commenta “Peli lunghi… Me ne frego!” E meno di un anno fa una ragazza spagnola, Paloma Goni, autrice del blog Airesdescambio.com, ha mostrato le sue foto dopo che non si è depilata gambe e ascelle per più di sette mesi. E lo ha fatto per battersi affinché le donne possano avere scelta sul togliere i peli dal proprio corpo oppure no”.

Dice ancora Hopper: “L’aspetto centrale del progetto fotografico è il contrasto tra la bellezza convenzionale e il look non convenzionale e grezzo dei peli delle ascelle femminile. Mi aspetto che ( le foto) sorprenderanno molte persone, e credo che, in un certo senso, questa è la mia intenzione”.

Hopper è riuscito a disgustarci ma non a convincerci. Basta davvero far crescere i peli sotto le ascelle per ribellarsi alle convenzioni e agli ideali estetici di potenti industrie della moda e della bellezza?

LASCIA UN COMMENTO