La mafia uccide Libero Grassi

0
1574
libero grassi

Il 29 agosto 1991 muore Libero Grassi, ucciso dalla mafia per la sua lotta contro il pizzo

Libero Grassi nacque a Catania, si trasferì da bambino con la famiglia a Palermo. Studia all’università a Roma durante la seconda guerra mondiale, entra in seminario per poi uscirne. Torna a Palermo per studiare giurisprudenza. Diventa commerciante seguendo le orme del padre. Si trasferisce in Lombardia, torna in Sicilia e apre uno stabilimento tessile.

Libero Grassi scrive di politica su alcuni quotidiani. La mafia lo prende di mira per il suo rifiuto di pagare il pizzo. Esce allo scoperto e denuncia gli estorsori. Cosa Nostra decide che Grassi deve morire a seguito di una lettera denuncia scritta dall’imprenditore e pubblicata sul Giornale di Sicilia. Ma l’appello di Libero Grassi non viene accolto dagli altri imprenditori. Il 29 agosto 1991 viene assassinato, simbolo solitario della lotta al racket.

LASCIA UN COMMENTO