Beppe Alfano viene ucciso dalla mafia

beppe alfano

L’8 gennaio del 1993 viene ucciso, a Barcellona Pozzo di Gotto da sicari della mafia, il giornalista Beppe Alfano

Giuseppe Aldo Felice Alfano, per tutti Beppe Alfano. Giornalista d’inchiesta siciliano. Uomo incorruttibile che aveva studiato gli intrecci tra mafia, imprenditoria e politica. Alfano aveva scritto della mafia nel messinese. Pochi giorni prima di morire aveva scoperto il luogo dove si nascondeva il super boss Nitto Santapaola. Alfano, che scriveva per il quotidiano La Sicilia, fu tra i primi a disegnare l’organigramma delle cosche dei primi anni ’90 e i collegamenti tra massoneria e mafia. Aveva già ricevuto minacce e avvertimenti per tenerlo lontano da alcune inchieste ma Alfano era un giornalista che non si faceva ne intimidire ne corrompere. Cosa Nostra decise di eliminarlo. Beppe Alfano venne ucciso in una gelida sera dell’8 gennaio del 1993 mentre era a bordo della sua Renault 9 in una strada di Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.

 

Tag

  • 8 gennaio
  • accadde oggi
  • beppe alfano
  • mafia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Potrebbe interessarti:

Contatti

Seguici su:

articoli più letti

Testata registrata al Tribunale di Roma in data 5/04/2016 | Fatto con da TechSoup