Il Mercante di Venezia di Shakespeare in LIS

0
1010

Il Teatro Ghione, con la collaborazione dell’Ente Nazionale Sordi, mette in scena una replica accessibile a persone sorde il 6 febbraio

Il Mercante di Venezia di William Shakespeare con Giorgio Albertazzi è in scena al Teatro Ghione di Roma fino al prossimo 8 febbraio.  Decine di serate e migliaia di spettatori hanno decretato il successo di uno dei classici del teatro mondiale.

Il 6 febbraio lo spettacolo sarà dedicato alle persone sorde. Attraverso la collaborazione con l’Ente Nazionale Sordi OnlusConsiglio Regionale ENS Lazio e sezione Provinciale ENS Roma – andrà infatti in scena una replica speciale. La rappresentazione sarà accompagnata dalla traduzione simultanea nella lingua dei segni italiana (LIS), realizzata da due interpreti professioniste che, al lato del palcoscenico, daranno vita a un dialogo parallelo. Dialogo che permetterà anche alle persone non udenti di godere appieno dell’opera dell’autore inglese. I biglietti saranno acquistabili, al prezzo agevolato di 20 euro per l’occasione, presso il botteghino del Teatro.

L’8 febbraio sarà invece la volta della replica per non vedenti o ipovedenti, questa volta usufruendo del servizio di audiodescrizione.

L’idea di fondo non rappresenta una novità per il Teatro che, già dalla scorsa stagione, ha messo in atto un progetto di completa accessibilità alla cultura.

Ridurre le barriere che spesso si frappongono tra il mondo delle persone diversamente abili, in questo caso dei non udenti e non vedenti, è un primo passo all’interno del più ampio processo di integrazione, da realizzare in tutti gli ambiti quotidiani.

Lo spot sull’accessibilità al Teatro Ghione di Roma con Milena Vukotić  :

La Dott.ssa Giulia Porcari Li Destri è Responsabile dell’Area Formazione dell’ENS Lazio, anche lei sorda è inoltre titolare dell’agenzia teatrale Danesi Tolnay, e nonostante la sordità, spettacoli ne vede di continuo. È la Dott.ssa Porcari il ponte tra il Ghione e l’ENS e è dalla sua esperienza personale che nasce il progetto per le persone sorde a Roma.
“Nonostante sia da sempre del settore – dice Giulia – anche per me non è semplice seguire gli spettacoli: osservo con attenzione i movimenti sul palcoscenico, sento i rumori e le vibrazioni e mi aiuto leggendo prima il testo teatrale o il copione. Certo che se eventi straordinari come questo diventassero la prassi nel nostro Paese, il teatro sarebbe anche per noi sordi cultura e svago, come per tutti. Nel 2015 in Italia siamo ai primi esperimenti di spettacoli accessibili, è incredibile quanto siamo indietro rispetto al resto del mondo! Il 6 febbraio vedremo per la prima volta Shakespeare tradotto in LIS…e pensare che in Inghilterra gli spettacoli hanno l’interprete di Lingua dei Segni da oltre vent’anni!”.
L’accessibilità stavolta punta in alto: William Shakespeare, Giorgio Albertazzi, Franco Castellano e un cast di giovani vivaci e bravissimi. “Certo è che una traduzione teatrale non si improvvisa, men che meno una di questo livello – prosegue ancora Giulia – i sordi in Italia stanno lottando da anni per vedere finalmente riconosciuta ufficialmente la Lingua dei Segni, il momento è delicato, quindi è importante chiarire che in questa, come in ogni occasione, serve avvalersi di servizi professionali e altamente qualificati. Le interpreti che tradurranno al fianco del palcoscenico tutti i dialoghi dello spettacolo si stanno preparando da tempo, sono delle professioniste e nonostante in Italia si faccia poco, già con una certa esperienza nello specifico settore teatrale”.

 Lo spot della replica accessibile in LIS prevista per il 6 febbraio 2015:

Teatro Ghione di Roma (Via delle Fornaci, 37)

Biglietti
INTERO Platea (25 + 3) 28 € 
Agevolato Persone Sorde Platea (18 + 2) 20 € 
INTERO Galleria (20 + 3) 23 €
OVER 65 Platea (20 + 2) 22 €
OVER 65 Galleria (16 + 2) 18 €
CRAL, Gruppi e Studenti (16+2) 18 €
Bambini Posto Unico (sotto ai 14 anni) (10+2) 12 € 
unnamed

LASCIA UN COMMENTO