Come affrontare la vecchiaia nell’età digitale

0
892
Come affrontare la vecchiaia nell'età digitale

Esce a maggio “L’età della saggezza nell’era digitale” di Silvana Buzzo Patucchi, un saggio che guarda la vecchiaia in modo lucido e ironico.

Uno dei tabù più profondi della società occidentale è la vecchiaia. Proprio su questo tema uscirà a fine maggio nelle librerie e nei negozi digitali online il nuovo libro di Silvana Buzzo Patucchi, “L’età della saggezza nell’era digitale” per Francesco Brioschi Editore, dall’eloquente sottotitolo “E se fossero gli anni più belli?”. Un saggio che si propone di essere una lucida analisi sulla società over 50.

Età della saggezza

La Buzzo, esperta in materia di Diversità Sociale, vuole scuotere gli stereotipi che hanno imprigionato la terza età, semplificandola troppo. Il suo scopo è parlare di vecchiaia a tutto tondo, senza ignorare il suo carico di solitudine o disagio. Ma senza che questo voglia mai dire arrendersi. Tutt’altro. La vecchiaia diventa, così, un’ottima occasione per ripartire da se stessi, con meno preoccupazioni e responsabilità. Una vecchiaia quasi come una giovinezza.

Il passaggio nella terza età, oggi, è reso ancora più drastico dalla continua trasformazione della realtà, a livello sociale e tecnologico specialmente. Affrontare la vecchiaia, per Silvana Buzzo, significa quindi cercare una prospettiva differente e vedere come tutto muti, senza riluttanza aprioristica verso il cambiamento e l’innovazione. Seppure non esista un metodo universale per vivere una vecchiaia serena, “L’età della saggezza nell’era digitale” vuole comunque spronare il lettore a mettersi di nuovo e continuamente in gioco.

“L’età della saggezza nell’era digitale”, però, non è un libro cupo o didascalico. Non pretende di fornire analisi storiche dettagliate. Centrale nel saggio della Buzzo è l’autoironia. L’intenzione è di normalizzare quel tabù che è oggi la vecchiaia, vista come incidente che capita soltanto agli altri, per prendere consapevolezza che è una condizione umana con le proprie opportunità (e minacce). E per fare questo, la Buzzo usa una scrittura semplice e a tratti leggera.

Molti sono i manuali che stanno uscendo in questi anni che indicano formule per un invecchiamento migliore e meno drastico. “L’età della saggezza nell’era digitale” di Silvana Buzzo Patucchi potrà essere un ottimo punto d’inizio per leggere la vecchiaia sotto una nuova ottica, meno stereotipata e macchiettistica. Si prospetta quindi come un libro impegnativo, ma coraggioso, in grado di svecchiare un concetto ormai antico come quello della terza età come fine.

LASCIA UN COMMENTO