La Festa della Solidarietà si accende a Roma

0
1117
festa della solidarietà

La prima Festa della Solidarietà, sei giorni di eventi dedicati al sociale nella cornice della Basilica di San Giovanni in Laterano.

Dal 24 al 29 giugno va in scena a Roma la “ Festa della Solidarietà ”, sei giorni di eventi tra Piazza di Porta San Giovanni (davanti la Basilica) e il Parco di Viale Carlo Felice. In un 2015 proclamato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite l’anno internazionale della Luce e delle tecnologie basate sulla Luce, i riflettori della capitale si accendono sul sociale. L’anno internazionale della Luce e delle tecnologie basate sulla Luce è un’iniziativa globale (IYL2015 – International  Year of Light) che mira ad accrescere la consapevolezza riguardo il ruolo svolto tecnologie basate sulla luce nella promozione dello sviluppo sostenibile e il loro apporto alle sfide globali ad esempio nei campi dell’energia, dell’istruzione, delle comunicazioni… Un punto di partenza importante, dunque, che la Festa della Solidarietà riprende e valorizza.

Pur organizzata da organizzazioni religiose, l’Associazione Culturale Lumen Gentium fra tutte, la Festa della Solidarietà porta in piazza un dialogo in cui i protagonisti non sono i temi cristiani ma, in una visione più ampia, quelli semplicemente sociali. Ai momenti di preghiera o strettamente religiosi si aggiungono infatti rappresentazioni teatrali, momenti musicali e passeggiate fra gli stand allestiti. Una festa della solidarietà, appunto, in cui organizzazioni (laiche e religiose), cittadini e artisti si uniscono per condividere. “Artefici della Festa della Solidarietà saranno tutti coloro che, a volte in modo silenzioso e nascosto, si prodigano nel fare il bene in mille forme: dando da mangiare a chi ha fame, ospitando chi non ha un tetto, assistendo e prendendosi cura di chi è malato e infermo, accogliendo chi cerca scampo da guerre e povertà.” Questo lo scopo dell’evento.

La scelta del luogo è poi tutt’altro che casuale. Piazza San Giovanni non è solo il luogo di una delle famose basiliche romane né, ancora, del “concertone” del Primo Maggio. È anche il luogo in cui il 15 ottobre del 2000 (a due giorni dalla “Giornata Mondiale del Rifiuto della Miseria” istituita dalle Nazioni Unite nella data del 17 ottobre) è stata posta una targa: quella in onore delle vittime della miseria.

festa della solidarietà lapide miseria

La Festa della Solidarietà sceglie dunque la Basilica di San Giovanni in Laterano come sfondo per sensibilizzare i romani, rimettendo al centro temi a cui non viene spesso data l’attenzione necessaria, ormai abituati a confrontarsi con essi nel quotidiano in modo veloce e distratto. Dal focus sui giovani e i bambini a quello sui malati e gli anziani, dalle testimonianze e i dibattiti alle “mense solidali”, organizzate ogni sera. Questi sono solo alcuni degli eventi che riempiranno le serate della “Festa della Solidarietà”, la quale si articolerà attraverso un programma vario che si prefigge di accendere una luce sulla Capitale. La luce della solidarietà.

Un progetto ambizioso, e tuttavia particolarmente curato, che lo staff di volontari e organizzatori cercherà di mettere in pratica nei prossimi giorni, accendendo luci profonde nell’estate romana.

LASCIA UN COMMENTO