Mc Mafia: criminalità eroi e fumetti a Roma

0
1302
mc mafia

Fino a novembre, al Museo di Roma in Trastevere, Mc Mafia: uno sguardo su com’è cambiato l’immaginario della criminalità attraverso il racconto dei fumetti.

Mc Mafia è il nome di una “mostra-racconto”. Quella che si sta tenendo al Museo di Roma in Trastevere. Dal 23 settembre, e fino a domenica 8 novembre, Mc Mafia è una finestra aperta: su mafia, camorra, ‘ndrangheta e su come l’impegno contro la criminalità organizzata venga raccontata dai fumetti. La mostra è organizzata dall’Associazione DaSud – da sempre impegnata contro le mafie – nell’ambito di #Restart, il primo festival della creatività antimafia e dei diritti svoltosi nella Capitale dal 22 al 27 settembre in occasione dei dieci anni di attività.

“Sei giornate dedicate alla cultura, il welfare, idee, fumetti, arte, musica, teatro, cinema, scuola e molto altro ancora per mettere in rete competenze ed esperienze a sostegno dell’antimafia sociale.” Sei giornate in cui le “questioni spinose”, i diritti e i valori dell’antimafia sono state al centro di dibattiti e incontri. Sei giornate che racchiudono perfettamente lo spirito di Mc Mafia e lo sguardo attraverso il quale quest’ultima si propone di metter in luce i fenomeni criminali.

Curata dal Museo del Fumetto di Cosenza e Cluster, promossa dall’Assessorato alla Cultura e allo Sport di Roma Capitale e realizzata con il sostegno del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Mc Mafia raccoglie 90 opere originali.

dylan dog mc mafiaUn concentrato di personaggi popolari (Dylan Dog o l’agente di polizia Nick Raider nella Little Italy newyorkese ed eroi dell’antimafia..) e autori altrettanto noti (oltre 40 i nomi: da Gipi a Biani, Mannelli, Staino, Makkox, Vincino e tanti altri). Il tutto diviso in tre sezioni: si comincia con tavole risalenti al periodo del secondo dopoguerra per continuare con una lunga immersione nel mondo della satira. In questa seconda parte, realizzata con l’aiuto dei giornalisti Giampiero Cardarella e Sergio Nazzaro, Mc Mafia trasforma la mafia non più, solo, nell’emblema del male ma in una realtà del nostro paese, ripercorrendo come il fenomeno si sia radicato in Italia e facendolo attraverso racconti e memorie.

PeppinoImpastato mc mafia
Peppino Impastato

L’ultima sezione è dedicata invece al racconto del presente, fatto di eroi che, la mafia, hanno tentato di combatterla con coraggio, ribellione e battaglie (Pippo Fava, Peppino Impastato, Don Peppe Diana solo alcuni degli eroi dell’antimafia raccontati attraverso tavole e fumetti).

La mostra riserva poi una sezione speciale ad oggetti personali in memoria di vittime di mafia (da Pio La Torre a Pippo Fava, da Giovanni Spampinato a Lollò Cartisano…).

Mc Mafia è un percorso avvolgente, un’esperienza di come sia cambiato negli anni l’immaginario della criminalità, quella stessa criminalità che daSud si impegna da dieci anni a combattere.

LASCIA UN COMMENTO