Salone del Mobile Milano, un successo tutto italiano

0
1622

Il Salone del Mobile, un resoconto e una retrospettiva sulla manifestazione italiana dedicata al Design che ha raggiunto un notevole successo, anche a livello internazionale.

Il Salone del Mobile ha dato il via alla sua 55° edizione martedì 12 aprile 2016, per concludersi nella giornata di domenica 17. La zona adibita all’intera manifestazione è il Quartiere Fiera Milano Rho, a due passi dalla location che ha ospitato l’Expo. A ricreare la stessa atmosfera, d’altronde, sono state le numerose file per accedere all’intero evento che ha ospitato più di 2400 espositori e si conta che i visitatori siano stati più di 300.000, provenienti da diversi paesi del mondo.

Un successo che fa pensare, dal momento in cui questo appuntamento irrinunciabile nel settore del design muove un valore di quasi 25 miliardi di euro. A questo proposito Giuliano Pisapia rivendica i primati del Salone del Mobile. “Forse – dice il sindaco di Milano – è questo l’evento che ha dimostrato per primo la capacità internazionale e di bellezza, oltre di innovazione della nostra città. Tutti abbiamo imparato dal Salone del mobile e dal Fuorisalone a far considerare Milano una città leader e internazionale”.

salone del mobile
Salone del Mobile, Esposizione di SERRALUNGA

Il Salone del Mobile è stato luogo di incontro e confronto fra designer e artisti provenienti da 160 paesi diversi. È stato possibile vedere le nuove frontiere dell’arredamento, come sedute e oggettistica all’avanguardia, dai tagli moderni e dai colori inusuali.

salone del mobile
Salone del Mobile, esposizione ArteVeneziana

Oppure ad essere messa in mostra è l’opulenza e la ricercatezza di dettagli preziosi, come la proposta della cabina armadio di Arteveneziana.

salone del mobile
Salone del mobile, esposizione Duresta

Ma c’è posto anche per il kitsch, per i colori sgargianti ed estremamente pop, abbinati ad un design retrò che sembra riportarci in qualche salotto degli anni ’70.

salone del mobile
EuroCucina, Alno

Le proposte per la cucina sono state molto interessanti, ma oltre al minimalismo che contraddistingue lo stile moderno, vediamo distinguersi una proposta originale: una cucina quasi “gitana”, con maioliche sulle pareti e colori complementari accostati tra di loro, sia per gli scompartimenti delle credenze sia per i servizi di bicchieri e brocche ad esse abbinati.

Tra le innumerevoli proposte per il bagno, troviamo un elegante scorcio di una vasca da bagno con pochi ed essenziali elementi, per ricreare un’atmosfera distesa e rilassante. Il tutto sovrastato da un lampadario, un’elegante boule di lampadine sospesa nell’aria.

salone del mobile
Salone Bagno, Ceramicacielo

L’innovazione, ovviamente, è il termine centrale e cruciale di una fiera come quella del Salone del Mobile. Per cui, perché non creare un forno che ci permetta di controllare la cottura del nostro arrosto tramite il tablet? Niente di impossibile, alla fiera di Milano si può.

salone del mobile
FTK (Technology for the Kitchen) Elettrolux

Oltre al Salone del Mobile, la città di Milano propone anche un evento affine e al tempo stesso autogestito da aziende private del mondo industriale e del design: trattasi del Fuorisalone e delle sue imperdibili esposizioni che gravitano attorno ai punti più importanti del capoluogo lombardo. Una location scelta è stata quella dell’Università statale di Milano, infatti, nei suoi chiostri quattrocenteschi, sono state esposte enormi installazioni di designer e architetti, italiani e stranieri, in un divertente contrasto fra antico e moderno. Sculture high tech, materiali innovativi, opere con cui interagire: è sempre una festa, soprattutto all’ora dell’aperitivo, con il popolo del design che si mescola con gli studenti.

salone del mobile
Fuorisalone, allestimento all’università statale di Milano

In via straordinaria, come tappa del FuoriSalone, riaprono le porte di Palazzo Turati in via Meravigli 7, a Milano, una delle sedi della Camera di Commercio. Negli eleganti saloni affrescati, la curatrice Nicole Uniquole ha allestito il Padiglione olandese che mette in mostra 125 fra artisti e designer, in un percorso che comprende oggetti d’arredamento, gioielli, tessuti, abiti e accessori artigianali in dialogo con una selezione di dipinti della Golden Age olandese. Visitabile il cortile, la scala d’onore, i saloni nobili al primo piano, la terrazza con vista al quinto piano. I colori, la freschezza e l’innovazione di queste esposizioni hanno colpito molto i visitatori.

salone del mobile
Fuorisalone, padiglione olandase, cortile di Palazzo Turati.

LASCIA UN COMMENTO