Ebraica: il Festival “spaziale” della cultura

0
310
Ebraica: il Festival “spaziale” della cultura

Ebraica – Festival Internazionale di Cultura torna a Roma dal 22 al 26 giugno. Lo “spazio” raccontato da dibattiti, musica, teatro e degustazioni per rendere l’estate più frizzante che mai.

Cultura e attualità. È questo l’imperativo che accompagna ogni anno il Festival Internazionale di Cultura EBRAICA, giunto alla sua 12esima edizione. Quest’anno si parte sabato 22 giugno, nella Notte della Cabbalà, e si prosegue fino al 26. Tante le iniziative di EBRAICA, dedicata in questo 2019 a una ricorrenza storica, ma come sempre con gli occhi rivolti al futuro: i cinquant’anni dell’allunaggio saranno infatti il tema portante della manifestazione dal titolo “Space. The final frontier”.

Tra passato e futuro. Spazio senza fine

Com’è cambiato il mondo in questi anni? Cosa è nato e può ancora nascere dall’incontro tra memoria e modernità? Potrebbero essere questi, e non solo, i quesiti dai quali partire, tra momenti di incontro, divertimento e riflessione. Saranno quindi cinque giorni ricchi di iniziative, che si snoderanno dal Palazzo della Cultura ai Giardini del Tempio. Cinque giorni che raccontano il tema scelto da un punto di osservazione ebraico per aprirsi poi al confronto culturale e a prospettive diverse, capaci di fondersi e di dar vita a idee e forme diverse da quelle iniziali.

Letteratura, scienza, cinema e giornalismo si mescolano dunque dando vita a nuovi linguaggi, specchio della complessità del presente. Lo “Spazio” si dilata così fino a raggiungere il presente, trasformandosi in paradigma fondamentale della relazione tra vita e conoscenza. Filosofi, intellettuali, scrittori, scienziati e artisti si alterneranno per dare vita a dibattiti e riflessioni, ma anche per godere insieme al pubblico di momenti dedicati a musica, teatro e degustazioni.  Sono questi forse i punti di forza che hanno fatto di “Ebraica – Festival Internazionale di Cultura” un appuntamento atteso e coinvolgente per l’estate della Capitale.

Ebraica: il Festival “spaziale” della cultura

Gli appuntamenti

Promosso dalla Comunità Ebraica di Roma e curato da Ariela Piattelli, Raffaella Spizzichino e Marco Panella, il festival contribuisce ad alimentare l’effervescenza dell’atmosfera estiva degli eventi romani conducendo i partecipanti tra i vicoli e le tradizioni del quartiere ebraico. In apertura, alle 22, l’inaugurazione al Palazzo della Cultura della mostra “2001. Odissea nello Spazio. The Visual Gallery”, voluta dai curatori come tributo a Stanley Kubrick nel ventennale della morte.

Il Festival si chiuderà al Palazzo della Cultura, mercoledì 26 giugno con due appuntamenti: il primo dedicato alla letteratura e il secondo al teatro. Il celebre autore israeliano Eshkol Nevo e il direttore de La Stampa Maurizio Molinari parleranno di Spazio dell’immaginario e per gli amanti del teatro e della fisica, da non perdere lo spettacolo di e con Gabriella Greison Einstein and Me, un tributo al grande scienziato, raccontato dagli occhi della prima moglie Mileva Marić.

L’estate è arrivata e, tra eventi, manifestazioni e ricorrenze, a Roma sembra non finire più.

LASCIA UN COMMENTO