OpenMag conquista oggi un nuovo, importante, spazio per parlare di sé, per dare libero sfogo alle idee di chi ne fa parte e per raccontarvi e condividere di volta in volta scelte, esperimenti e percorsi intrapresi. Inauguriamo con questo spirito il primo editoriale.

di Cristina Panzironi

Comunicare, apparire, ottenere visibilità sono solo alcune delle “ossessioni” di quest’epoca liquida, per dirla alla Bauman, dove tutto ci abbaglia e poco rimane davvero impresso.

OpenMag nasce dai figli di quest’epoca, da chi con simili imperativi è cresciuto, da chi ha vissuto lo sviluppo delle tecnologie con un pizzico di stupore e meraviglia, ne ha appreso le tecniche come tappa obbligata e, invece di farsi spaventare o trascinare dagli “apocalittici” del progresso, ha deciso di essere invece che di apparire, di dare voce a un’informazione ragionata piuttosto che strillata.

Consapevoli dell’importanza della comunicazione, e di come essa cambi e si adatti ai rapidi mutamenti del tempo in cui si sviluppa, abbiamo fin dall’inizio deciso di porci in una posizione “Open” nei confronti non solo delle critiche, dei suggerimenti e dei consigli provenienti da lettori e collaboratori, ma anche degli strumenti messi a disposizione dal web, sul quale decidiamo di esprimerci.

Questa stessa comunicazione potente e multiforme – guardata con brama da molti che conoscono il suo potere e vorrebbero perciò sfruttarlo – ci chiede di non rimanere fermi nelle nostre convinzioni ma, al contrario, di cambiare con lei, analizzando sempre il senso profondo del lavoro che ci apprestiamo a svolgere. Per questo negli anni OpenMag ha sperimentato, ideato modelli e dato forma a contenuti e rubriche, sempre adattandosi al nuovo che avanza senza mai fossilizzarsi nelle proprie convinzioni.

Sono la voglia e la passione di chi ha dato vita a questo progetto, di chi si è aggiunto in corsa facendolo proprio, e di chi ha deciso di entrare a far parte di questa piccola, pazza, realtà fatta di volti giovani e teste in continuo fermento, ad averci portato qui. OpenMag è oggi una testata registrata, un piccolo sogno realizzato per chi qualche anno fa ha creduto che ciò potesse diventare possibile.

Siamo allora pronti a lanciarci in quella che ci sembra essere una nuova, stimolante, fase e vogliamo farlo al meglio. Per questo, consci di dover mutare senza però perdere noi stessi, abbiamo deciso di presentare qualche piccola novità.

Non senza un po’ di nostalgia siamo giunti alla conclusione di salutare la rubrica “accadde oggi” della quale siamo stati pionieri, grazie all’intuizione geniale di chi già qualche anno fa credeva che OpenMag potesse essere molto più che un semplice contenitore di notizie. La scelta nasce, oggi, dalla presa di coscienza che l’ “Accadde oggi” sia ormai ovunque, dai social ai siti di informazione (e non); ma anche dal fatto che il grande lavoro nascosto dietro gli avvenimenti da raccontare ogni giorno non ci sembra più bilanciato rispetto al valore aggiunto che potremmo fornire attraverso notizie che rischiano, dopo tre anni in cui siamo attivi, di diventare ripetitive e poco originali.

Perciò, in linea con l’idea di dare vita (e voce) a un’informazione approfondita – secondo le logiche del web – e ragionata – secondo le nostre teste – , abbiamo ritenuto più opportuno mantenere degli approfondimenti, scelti ogni mese, riguardanti eventi importanti accaduti nel corso dei secoli e facenti capo ai mondi più disparati (dalla musica, alla storia, dallo sport alle scoperte scientifiche).

Ancora in quest’ottica cercheremo di essere presenti sui social con l’attenzione che abbiamo sempre riservato loro ma con l’aggiunta di contenuti diversi ogni giorno.

Insomma…

Da oggi comincia una avventura nuova e tuttavia ancora fedele ai principi di sempre. Quelli secondo i quali il web non si contrappone all’umanità delle relazioni, del lavoro di squadra e della condivisione di esperienze, ma diventa, invece, lo strumento cardine per dar loro voce.

Da oggi cercheremo di essere pronti ad a raccontare quello che la realtà ci propone, attraverso un’informazione approfondita, accurata e quanto più lontana possibile dai modelli “acchiappa click” privi di contenuto. Dare un valore aggiunto alle notizie, arricchendole di punti di vista diversi e controcorrente – laddove necessario – sarà dunque il nostro unico imperativo.

Da oggi OpenMag sarà sempre più… Open Mag!

LASCIA UN COMMENTO

Cristina Panzironi
Laureata in scienze della comunicazione (“ah si, scienze delle merendine!”) e iscritta alla specialistica, spero ancora di riuscire a vivere scrivendo. Continuamente di corsa, ma sempre con un libro in borsa a farmi compagnia; sempre pronta a farmi trascinare dagli entusiasmi e a imparare da chi me ne dà opportunità. Ecco come sono approdata nella squadra di Openmag.