Eco-fiera: sapore internazionale nella Roma “verde”

Eco-fiera: sapore internazionale nella Roma “verde”

Un’ Eco-fiera dal sapore internazionale nel verde di Roma

Il 20 aprile, a partire dalle 19, va in scena nella periferia di Roma Eco-fiera, Come prolungare la vita/pulizia del pianeta terra. Una serata all’insegna dello sviluppo sostenibile in un clima di convivialità e confronto.

Eco, bio, sviluppo sostenibile, green economy… Sempre più spesso sentiamo parlare di concetti simili, e anche in campi molto diversi. Ma quanto sappiamo su questi temi? A riguardo ci sono ancora interrogativi che rimangono talvolta nell’aria in cerca di una risposta. Ad esempio, esistono realtà e progetti sostenibili che funzionano realmente?

Per fare chiarezza e parlare dell’argomento attraverso il parere di esperti e con l’esposizione di esempi concreti nasce quindi, nella periferia di Roma, un piccolo “momento verde”. In un quartiere che questo colore già ce l’ha nel nome. A Villa Verde, nella sala incontri della Parrocchia Santa Maria Madre dell’Ospitalità il 20 aprile va infatti in scena Eco-fiera, Come prolungare la vita/pulizia del pianeta terra.

“Per fare tutto ci vuole un fiore..”

L’ eco-fiera, in programma a partire dalle 19 in questo angolo di Roma fuori dal Raccordo, si condisce del sapore dolce regalato da testimonianze di spessore. Il tutto accompagnato dal retrogusto di un linguaggio chiaro e semplice. L’idea di un evento simile sboccia qualche tempo fa. Nonostante i km di distanza, due realtà molto diverse si incontrano e si rendono conto di avere a cuore gli stessi temi.

Da una parte una piccola chiesa di periferia, ben radicata su un territorio nel quale ha contribuito a rafforzare i concetti di comunità, di riscoperta dell’altro e di ciò che lo circonda. Dall’altra un’organizzazione del Minnesota, volta a far sentire i giovani parte attiva della società, attraverso la sperimentazione di nuovi modelli energetici da applicare nelle comunità rurali del Minnesota.

Un’ Eco-fiera dal sapore internazionale nel verde di Roma

Creare comunità sostenibili, incoraggiare i giovani e aiutarli a comprendere come intraprendere azioni positive nelle loro comunità, sono solo alcuni degli obiettivi di YES! Youth Energy Summit. Ma la vera “energia” dell’organizzazione sono gli studenti.

 

Ecco allora che l’obiettivo dell’ Eco-fiera in programma a Roma diventa uno. Quello di confrontarsi e spiegare le difficoltà più comuni che impediscono di raggiungere un’idea completa di sviluppo sostenibile. Ma soprattutto capire, insieme, quali possano essere le modalità migliori per realizzare progetti di green economy che funzionino tanto quanto le forme più tradizionali.

L’ eco-fiera

A partire dalle 19 la serata si aprirà col racconto introduttivo di un particolare incontro, quello fra istituzioni e azioni virtuose. Grazie alla testimonianza del Prof. Vincenzo Naso e del Prof. Andrea Micangeli del CIRPS, il Centro Interuniversitario di Ricerca Per lo Sviluppo Sostenibile, ci si potrà addentrare in un concetto che forse ha qualche anno in più rispetto a quello che crediamo. Il CIRPS nasce infatti nel 1988, un anno dopo la definizione di “sviluppo sostenibile” proposta nel rapporto “Our Common Future” pubblicato dalla Commissione mondiale per l’ambiente e lo sviluppo del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente.

Con questo concetto, già 30 anni fa, si intendeva uno sviluppo che assicurasse «il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di realizzare i propri». E proprio per comprendere meglio come poter dare forma concreta a quelle che per molti anni sono rimaste solo parole serviranno le testimonianze che si susseguiranno nel corso dell’evento. Oltre alla presentazione dei progetti fattibili dello YES / TECH CLUB (Youth Energy Summit), l’Italian Green Technology for Cleaning Water parlerà dell’acqua che respira a impatto zero. E, ancora, l’Associazione SINERGIA spiegherà il progetto dell’Orto Sinergico che permette di lavorare in armonia con la natura.

Il tutto accompagnato dalla musica della BRIOSA BAND e da una pizza da gustare insieme a conclusione della serata, per non perdere neanche per un momento lo spirito di convivialità e incontro alla base dell’ Eco-fiera.

Per partecipare rivolgersi alla segreteria della Chiesa Santa Maria Madre dell’Ospitalità (062056534 o 3337972809).

LASCIA UN COMMENTO