Viene pubblicato il Manifesto del Futurismo

0
1956
Manifesto Del futurismo

Il 20 febbraio 1909 fu pubblicato sul giornale francese “Le Figaro” il “Manifesto iniziale del Futurismo” scritto da Filippo Tommaso Marinetti

Il Futurismo fu un movimento che coinvolse tutti gli ambiti artistici. Espressione dell’evoluzione dei tempi e interprete del Novecento, il Futurismo si basò sull’idea di progresso ed ebbe come valori fondamentali il dinamismo e la velocità. Questi ideali furono espressi in 11 punti da Filippo Tommaso Marinetti nel Manifesto del Futurismo. L’anteprima del manifesto fu pubblicata il 5 febbraio 1909 sulla Gazzetta dell’Emilia, ma fu solo con la pubblicazione in francese da parte de “Le Figaro” il 20 febbraio, che il messaggio futurista ebbe risonanza a livello mondiale. Le opere di Balla, Carrà e Boccioni, contribuirono ad accrescere la fama del movimento che ebbe seguito in Russia e in Francia. Scagliatosi contro la cultura borghese e la poesia nostalgica e retorica, il Futurismo vi opponeva la novità delle “parole in libertà”. Il primo punto del Manifesto dice: “Noi vogliamo cantare l’amor del pericolo, l’abitudine all’energia e alla temerità”. L’atteggiamento spavaldo del movimento fu criticato soprattutto per il nono punto che inneggia alla guerra come “igiene del mondo”.

LASCIA UN COMMENTO